Dopo tutta la fanfara, l'ostentazione e il fatto che l'elaborato vertice di Glasgow è stato universalmente salutato come l'ultima possibilità per la cara vecchia Madre Terra, tutto è caduto di nuovo un po' in silenzio. E sì, tutti i nostri problemi mondiali persistono con poche soluzioni, di qualsiasi sostanza, che sono state effettivamente formulate al vertice. Certo, ci sono state molte promesse, ma le abbiamo già sentite tutte - all'ultimo incontro!

Naturalmente, la classe politica continuerà a dichiarare che la Cop26 è stata un enorme successo, con un sacco di fatti, cifre e statistiche che vengono aggressivamente massaggiati, contorti e agitati per adattarsi alle varie narrazioni. Standard, si potrebbe dire.

Ma temo di non poter fare a meno di essere sopraffatto da un senso di schiacciante cinismo ogni volta che sento politici o ambientalisti sciorinare liriche sul nostro povero pianeta malato o "l'ambiente". Questo perché credo fermamente che la traiettoria del nostro futuro collettivo, come abitanti della nostra unica e sola casa terrestre, è ben oltre le competenze della confraternita in giacca e cravatta o della brigata con i dreadlock. Tutto quello che vedo, sia da parte dei politici che degli attivisti, è solo un mucchio di esibizione, di spettacolo insieme a grandi tsunami di sentimenti spesso falsi. Vecchia retorica stanca, francamente.

Rivoluzione dell'energia verde

Grandi somme di denaro sono al centro della cosiddetta rivoluzione dell'energia verde, proprio come lo sono al centro dell'industria dei combustibili fossili. Fornire infrastrutture "verdi" è altrettanto massicciamente lucrativo quanto vendere combustibili fossili, ma è anche un processo piuttosto sporco ed è incredibilmente poco verde.

Non è proprio il caso di definire l'energia "verde" come un sacco di fumo e specchi. Certo, abbiamo bisogno di alternative ai combustibili fossili perché sono tutti finiti. Ma avere una visione critica di tutto ciò che è ritenuto 'verde' o chiamarlo fuori come se fosse tutt'altro che 'verde' è spesso percepito come un caso di eresia assoluta.

Ma, una sola di quelle imponenti turbine eoliche si erge a 500 piedi da terra. Siedono su circa 1000 metri cubi di cemento e 150 tonnellate di acciaio fabbricato. Quelle enormi pale sono fatte di 36.000 libbre di fibra di vetro e balsamo (ciascuna) x 3. L'intera cosa avrà già consumato enormi quantità di energia fossile solo nel processo di fabbricazione e montaggio. E il mondo ha bisogno di milioni di queste cose solo per tenere accese le luci delle nostre attuali città. Tutte quelle infrastrutture solo per stare ferme, in altre parole.

Naturalmente, le turbine eoliche sono ovviamente dispositivi meccanici, quindi alla fine si consumano. Hanno una vita utile di circa 10 anni, e a quel punto saranno probabilmente obsoleti.

Scavando sotto la superficie, diventa presto abbondantemente chiaro che molti degli stessi miliardari e grandi corporazioni globali sono in realtà dietro questi progetti di energia 'verde'. Sono là fuori per fare grandi fortune esattamente nello stesso modo in cui hanno fatto mentre vendevano combustibili fossili a un mondo affamato di energia. Semplicemente si mascherano dietro loghi a forma di foglie dall'aspetto sano ed emblemi verdi e allegri per cercare di venderci l'idea che in qualche modo, un giorno, potremo ancora godere degli stessi benefici della nostra esistenza basata sui combustibili fossili mentre viviamo in una specie di nirvana arieggiato, uber-verde, di insalatiera. Mi dispiace davvero far scoppiare qualche bolla - ma questo è chiaramente delirante.

Le compagnie petrolifere hanno investito somme da capogiro in soluzioni di energia verde. Mentre enormi turbine eoliche di 500 piedi, macchine per le onde e fattorie solari potrebbero attualmente integrare l'energia derivata dai fossili, sono ben lontani dall'essere un'alternativa veramente fattibile se si considera quanta energia consuma il mondo. Sicuramente non può essere fattibile che enormi macchine eoliche "verdi" fatte dalla civiltà industriale ci salvino dalla civiltà industriale?

Una tempesta perfetta

L'umanità sembra trovarsi di fronte a una tempesta perfetta. Abbiamo una popolazione in rapida crescita che richiede grandi quantità di cibo, acqua ed energia solo per sopravvivere. Poiché tutti noi aspiriamo a prosperare (non solo a sopravvivere), tutte queste risorse e i nostri mezzi per fornirle in modo sostenibile sono sempre più sotto pressione. E i nostri leader hanno chiuso un occhio.

Tutto questo tipo di discorsi deve risultare molto intenso e travolgente? Forse molti di noi cercano di non pensare troppo a questi argomenti scomodi e vanno avanti con il lavoro piuttosto importante e spesso complesso della nostra vita quotidiana. Ma se tutti smettessero di pensare a questi argomenti, potrebbe rivelarsi un presagio della nostra rovina collettiva.

Per quanto spaventoso possa sembrare tutto questo, credo ancora che il cambiamento sia possibile. Il tipo di cambiamento che arriva guardando tutti i fatti in modo oggettivo, spassionato e logico. Questo potrebbe comportare un po' di stropicciarsi il naso e forse anche un po' di stringere il sedere, perché potrebbe anche significare abbandonare abitudini come quella di permettere che la nostra sensibilità sia offuscata da questioni come le fedeltà politiche. Che ci si consideri di sinistra, di destra o forse una via di mezzo, deve essere ormai chiaro che propagare una crescita infinita su un pianeta finito equivale a un suicidio?

L'elefante nella stanza

Ma potrebbe ancora esserci una via d'uscita da tutto questo. Dobbiamo prima accettare che la nostra presenza umana su questo pianeta ha già superato di gran lunga la sostenibilità. Collettivamente, siamo l'elefante nella stanza. Tutti noi dovremo quindi alla fine prendere l'iniziativa quando si tratta di un vero ambientalismo nel contesto delle nostre vite e pensare a come consumiamo e gestiamo le risorse.

Una cosa è chiara, non possiamo affidare ciecamente le nostre generazioni future ai politici o lasciare tutto alle avide mani della fratellanza miliardaria. Finora non hanno fatto altro che saccheggiare risorse preziose per generare enormi profitti. Ricchezza di una grandezza che non potrebbe mai essere realisticamente utilizzata entro i limiti di una vita umana solitaria. Alcune di queste fortune personali sono state spesso create a spese di tutti noi, dal punto di vista ambientale.

Che ci piaccia o no, meno dovrà essere accettato come il nuovo più. Invece di alimentare ciecamente la vecchia e stanca narrativa del "cambiamento climatico" e quindi arricchire ulteriormente coloro che attualmente la promuovono con fervore quasi religioso, l'umanità un giorno si sveglierà per il semplice e chiaro fatto che non è la molecola di anidride carbonica che sta causando tutto il caos. Siamo noi.

I malanni del nostro mondo non sono dovuti a una sola causa. Ci sono numerose comorbidità in gioco. Ma in ogni caso, indipendentemente dai sintomi, l'umanità stessa sembra essere il "bug". Siamo tutti colpevoli di contribuire ai disturbi del nostro mondo come un gigantesco collettivo. Siamo diventati inavvertitamente una specie fuori controllo. Una popolazione che consuma tutto e che sta inciampando a capofitto verso un'apocalisse causata dall'uomo. Architetti della nostra stessa fine.