Questa storia è iniziata quando un gruppo di residenti ha scoperto un piano di costruzione a Matos da Picota, Loulé, che, secondo i residenti, consiste in una discarica vicino alle proprietà private - in alcuni casi a soli 400 metri dalle case.

Inoltre, è una zona dove passano molti turisti ogni giorno: "In pratica, tutti quelli che vengono da Via do Infante (autostrada A22) passano per la zona per andare a Boliqueime o Vilamoura e questo non è attraente per una regione che vuole essere una destinazione premium", ha detto Nuno Alexandre, uno dei residenti che vive vicino a dove è previsto il progetto.

"Sia i residenti che i turisti che visitano l'Algarve ogni anno vogliono trovare una regione senza rifiuti e senza contaminazione, in modo che la gente possa venire qui in modo sano", ha detto Nuno Alexandre.

A dicembre, Nuno Alexandre e altri residenti che condividono lo stesso obiettivo di fermare il progetto, hanno formato un'associazione no-profit chiamata Associação de Moradores e Amigos da Picota (Associazione di residenti e amici della Picota) e hanno raccolto firme per una petizione per fermare il progetto.

"Non ha senso avere discariche alle porte della gente, dato che questo si ripercuoterà necessariamente sulla salute pubblica. Inoltre, c'è anche un corso d'acqua che va a Quarteira, che è un altro problema in termini di sottosuolo", ha detto.

Questo gruppo di cittadini ha incontrato diverse entità come la Comissão de Coordenação e Desenvolvimento Regional (CCDR), le associazioni ambientaliste e il consiglio di Loulé. Inoltre, hanno partecipato alle assemblee municipali per esprimere le loro paure e per cercare di ottenere delle risposte, che hanno ottenuto con successo.

Infatti, tutti i partiti hanno appoggiato la causa e persino il sindaco di Loulé, Vítor Aleixo, si è dichiarato personalmente contrario. Tuttavia, finora non sono state prese misure per fermare il progetto.

Secondo l'AMAP, una delle misure che possono essere prese è la sospensione del PDM (Piano di Gestione Comunale). "Il nostro ruolo è anche quello di scoprire quali sono le armi per evitare che questo accada", ha detto il membro dell'associazione.

Un punto di vista opposto

Tuttavia, l'ente responsabile del progetto, Blueotter, ha detto a The Portugal News che c'è stato un malinteso intorno a questo argomento: "Il progetto consiste in un'unità finalizzata al riciclaggio e al recupero dei residui di valore, soprattutto plastica e cartone. Avrà anche un'area logistica per i camion, i contenitori, lo stoccaggio e lo smistamento dei rifiuti per il trasporto", ha detto la società.

Inoltre, l'azienda dice che c'è un po' di confusione sull'ubicazione del futuro progetto, poiché "non si tratta di una vecchia cava. Il terreno che Blueotter ha acquisito è un vecchio complesso industriale inutilizzato che è stato vandalizzato, utilizzato come sito per attività illegali e per lo scarico e l'abbandono di rifiuti, e che nel frattempo è stato pulito e mantenuto da Blueotter, in particolare attraverso la chiusura degli accessi e la sorveglianza".

Hanno aggiunto: "Blueotter svilupperà un progetto di eccellenza, che includerà le recinzioni. Crediamo che l'integrazione paesaggistica sarà di alta qualità, contribuendo al recupero di un sito molto degradato e abbandonato".

Per quanto riguarda i rifiuti sanitari, l'azienda ha garantito che "non esiste un progetto di rifiuti sanitari. Il gruppo Blueotter non svolge questa attività, né intende svolgerla". Allo stesso modo, il Consiglio di Loulé ha già dichiarato che non si parla di rifiuti medici nel processo.

Inoltre, l'azienda afferma di essere stata sorpresa dalla situazione, "soprattutto per la paura di un progetto di riciclaggio, che contribuisce agli obiettivi di sostenibilità e riciclaggio dell'Algarve".

I cittadini non si arrendono

Con questo progetto, l'operatore dei rifiuti, Blueotter "intende espandersi in questa zona e spostarsi in un'area più grande significa anche sviluppare il business. Questo impianto probabilmente tratterà rifiuti provenienti da tutto il paese e dalla Spagna e dall'Italia, perché il trattamento dei rifiuti è un business molto redditizio e ovviamente questa azienda intende trattare residui apparentemente più redditizi, compresi i rifiuti pericolosi", ha detto Nuno Alexandre dell'AMAP.

L'AMAP continuerà a lottare per gli interessi della popolazione e a mantenere un ruolo attivo, anche in altre cause ambientali e sociali, hanno detto.

"Invitiamo tutti i residenti a unirsi all'associazione". Se volete seguire l'AMAP, consultate la pagina Facebook all'indirizzo https://m.facebook.com/AMAP-Associa%C3%A7%C3%A3o-de-Moradores-e-Amigos-da-Picota-de-Loul%C3%A9-110024408221335/