Secondo la Direzione Generale per il Patrimonio Culturale(DGPC), la nuova fase del piano di conservazione e restauro del Monastero di Jerónimos, il cui progetto è sostenuto dal World Monuments Fund Portugal (WMF-Portogallo ), è in fase di preparazione e comprende interventi esterni ed interni al monumento, tra il 2021 e il 2022.

L'obiettivo è "affrontare il problema urgente dell'alterazione e del degrado delle pietre della Chiesa" del monastero, monumento nazionale protetto dalla DGPC.

Capolavoro dell'architettura portoghese del XVI secolo, il monastero di Jerónimos è iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) dal 1983, insieme alla Torre di Belem.

È considerato un gioiello del manuelino, uno stile esclusivamente portoghese che integra elementi architettonici del gotico finale e del rinascimento, associandovi una regale simbologia cristologica e naturalistica che lo rende unico. Nel 2022, il monumento in pietra di Lioz - il più visitato del Paese - celebrerà i 500 anni dell'edificio, e la sua conservazione e il suo restauro, stimato in oltre due milioni di euro, è stato considerato urgente dalla tutela.

Il monumento, la cui costruzione è stata affidata a João de Castilho (1470-1552), che ha diretto il progetto tra il 1517 e il 1522, è stato oggetto di ricerche per creare strategie e metodologie di intervento nel degrado della pietra, un problema ricorrente fin dal XIX secolo, dovuto principalmente all'umidità e all'inquinamento. L'ultimo grande intervento nella chiesa di Jerónimos risale agli anni '60.

WMF è un'organizzazione privata senza scopo di lucro fondata nel 1965 negli Stati Uniti, dedicata alla protezione dei siti del patrimonio culturale a rischio, e ha delegazioni in tre continenti, sponsorizzando un programma in corso per la conservazione dei tesori artistici in tutto il mondo.

Ha sostenuto più di 600 progetti in 90 paesi, come il Portogallo, dove la filiale portoghese ha partecipato ad azioni importanti come la conservazione e il restauro della Torre di Belém, il Chiostro di Jerónimos, i Giardini del Palazzo Queluz, la Statua equestre di D. José I e la Cattedrale di Funchal .