Più spazzatura che alghe

scritto TPN/Lusa, in Rinnovabile · 13-12-2020 10:00:00 · 0 Commmenti

Uno studio dei ricercatori del Centro Interdisciplinare per la Ricerca Marina e Ambientale dell'Università di Porto (CIIMAR) ha concluso che su cinque spiagge del nord ci sono più rifiuti che sargassi (un'alga bruna).

Parlando con l'agenzia di Lusa, Marcos Rubal, ricercatore del centro dell'Università di Porto, ha spiegato che inizialmente l'obiettivo del team era quello di studiare il sargasso, capire la sua importanza ecologica e come questa risorsa, frutto della deposizione naturale di alghe e alghe sulle spiagge, potesse essere valorizzata.

Tuttavia, quando hanno iniziato ad analizzare questa risorsa naturale in cinque spiagge della regione del Nord - Praia de Moledo, Vila Praia de Âncora, Praia do Cabedelo, Praia de São Pedro de Paramos e Barrinha de Esmoriz - sono rimasti "scioccati dalla quantità di rifiuti che sono apparsi mescolati alle alghe".

"Abbiamo sempre trovato una quantità enorme di spazzatura, così abbiamo deciso di aggiungere questa componente di spazzatura allo studio, e da quel momento in poi, oltre a quantificare il sargasso e le specie di alghe che apparivano nel sargasso, abbiamo iniziato a quantificare la spazzatura per poter fare un confronto", ha detto Marcos Rubal.

Durante lo studio, iniziato nel 2017, il team di ricercatori ha scelto spiagge "non sviluppate" e ha raccolto sargassi, alghe e rifiuti in due momenti diversi, uno durante l'estate e l'altro durante l'inverno.

"Il risultato del nostro lavoro è che sia la quantità di sargasso che la quantità di spazzatura variano molto, sia tra le spiagge che tra le date", ha detto, aggiungendo però che la quantità di spazzatura può essere "fino a quattro volte il peso totale del sargasso", soprattutto in inverno.

In quel periodo dell'anno, lo smaltimento dei rifiuti, come resti di corde, reti aggrovigliate, lenze da pesca, tappi di plastica per la coltivazione delle cozze e una varietà di plastica, era più alto, soprattutto a causa delle "tempeste e dell'innalzamento del livello dell'acqua, per esempio del fiume Minho".

"Il tipo di rifiuti è cambiato molto tra l'inverno e l'estate", ha aggiunto Marcos Rubal, dicendo che nella stagione più calda i rifiuti trovati erano mozziconi di sigarette, avanzi di cibo, piccole plastiche, bottiglie d'acqua, succhi di frutta e altri inquinanti.

A Lusa, Marcos Rubal ha detto che il prossimo passo del team è quello di capire come i rifiuti cambiano il ruolo del sargasso, che include importanti servizi ecologici sulle spiagge sabbiose, come il mantenimento del ciclo dei nutrienti o delle catene alimentari marine nell'ecosistema costiero.

Lo studio, intitolato "Spatio-Temporal Variability of Anthropogenic and Natural Wrack Accumulations along the Driftline: Marine Litter Overcomes Wrack in the Northern Sandy Beaches of Portugal", è stato pubblicato sulla rivista internazionale Journal of Marine Science and Engineering.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.