Il presidente discuterà l'estensione dell'isolamento

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 08-02-2021 19:32:00 · 0 Commmenti

Il presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, sentirà i nove partiti con seggi parlamentari, in videoconferenza, tra martedì e mercoledì sul rinnovo dello stato di emergenza.

Secondo una nota della Presidenza della Repubblica inviata ai media, le audizioni si terranno in ordine crescente di rappresentanza parlamentare, con Iniziativa Liberale, Chega, ENP, PAN e CDS-PP ascoltati martedì, a partire dalle 15:00.

PCP, BE, PSD e PS saranno ascoltati dalle 15:15 di mercoledì dal capo dello Stato, che sarà al Palazzo di Belém.

Nella stessa nota, si precisa che martedì mattina il presidente della Repubblica parteciperà in videoconferenza alla 15a sessione sulla situazione del covid-19 in Portogallo, prevista per le 10:00.

L'attuale periodo di stato di emergenza per consentire le misure di blocco del covid-19 termina alle 23:59 di domenica prossima, 14 febbraio, ed è stato approvato in parlamento con i voti a favore di PS, PSD, CDS-PP e PAN, l'astensione di BE e i voti contrari di PCP, PEV, Chega e Iniziativa Liberale.

L'Assemblea della Repubblica ha una sessione plenaria prevista per giovedì per discutere il probabile rinnovo dello stato di emergenza.

Secondo i termini della Costituzione, spetta al presidente della Repubblica decretare lo stato di emergenza, per un periodo massimo di quindici giorni, fatti salvi eventuali rinnovi, ma per questo deve ascoltare il governo e avere l'autorizzazione del parlamento.

In virtù dello stato di emergenza, che permette la sospensione dell'esercizio di alcuni diritti, libertà e garanzie, il governo ha imposto una serrata generale e la sospensione di una serie di attività, che sono in vigore dal 15 gennaio.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.