Il 64% dei genitori è sopraffatto dalla scuola domestica

scritto TPN/Lusa, in Scuola, Salute e ambiente, COVID-19, Notizia · 26-02-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

Un'indagine condotta in Portogallo, Spagna e Francia per studiare i modelli e le abitudini degli studenti durante la serrata, ha rivelato che il 64% dei genitori erano sopraffatti dal lavoro scolastico.

Ricercatori delle Università Nova de Lisboa, Granada (Spagna), Lille (Francia) e dell'Istituto Spagnolo della Salute Carlos III hanno analizzato la routine e l'interazione degli studenti tra i 3 e i 16 anni e delle loro famiglie durante il primo blocco causato dalla pandemia, iniziato in questi tre paesi quasi un anno fa.

Attraverso un sondaggio online a cui hanno partecipato quasi 3.900 famiglie dei tre paesi, il progetto "Covideducasa", che è ancora in corso, cerca di capire l'impatto del confinamento e dell'insegnamento non in classe sulle famiglie portoghesi, spagnole e francesi, la maggior parte delle quali sono state considerate di classe media.

La ricercatrice della Facoltà di Scienze Politiche e Sociologia dell'Università di Granada María Dolores Martín-Lagos ha detto all'agenzia spagnola Efe che lo studio ha esaminato l'attenzione delle famiglie per i loro figli, il peso dei compiti scolastici dei loro figli, l'accesso alla tecnologia e l'orientamento familiare, con coincidenze e differenze tra i paesi.

Tra le conclusioni dello studio, Martín-Lagos ha sottolineato che le madri hanno un ruolo più importante nei compiti, anche nelle case in cui entrambi i genitori lavoravano o erano in lavoro a distanza durante il blocco.

La maggior parte dei genitori ha riconosciuto la corretta pianificazione delle attività da parte della scuola, anche se più del 64% degli intervistati ha riconosciuto di aver vissuto momenti di stress quando si trattava di aiutare con il lavoro scolastico.

In questi casi, il 46,7% dei genitori ha sottolineato la mancanza di tempo per aiutare i propri figli, mentre il 20% ha ammesso una mancanza di pazienza e alcune famiglie hanno indicato di non avere le conoscenze necessarie per insegnare ai propri figli.
Durante l'ultimo trimestre dello scorso anno scolastico, senza lezioni frontali nei tre paesi, quasi tre genitori su 10 hanno considerato i propri figli calmi e organizzati, una percentuale leggermente più alta in Portogallo (31%) e Francia (28%) che in Spagna (21%).

I genitori hanno anche sottolineato, "in modo generale, la preoccupazione per l'uso eccessivo della tecnologia, considerato uno dei principali problemi dai genitori, soprattutto nelle case che non hanno regole di orario molto severe".

Secondo lo studio, il 44% dei genitori ritiene che i loro figli usino molto il cellulare e il 76% degli intervistati nei tre paesi si riferisce anche a molte ore di videogiochi, che sono aumentati anche durante la chiusura.

D'altra parte, il lavoro ha confermato la diminuzione delle attività extrascolastiche dopo la reclusione, soprattutto lo sport, che è diminuito di quasi la metà, e il peggioramento delle abitudini alimentari, che ha fatto aumentare di peso quattro bambini su 10.

Lo studio rivela anche che la routine è peggiorata con l'internamento nella metà delle case (51%) e ha influenzato il benessere emotivo degli studenti, con il 20% dei genitori spagnoli e il 15% dei genitori francesi che hanno rivelato di vedere i loro figli più tristi. In Portogallo, questa evoluzione emotiva negativa è stata notata in quasi il 33% dei casi.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.