Chiede di escludere l'orientamento sessuale come barriera alla donazione di sangue

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente · 12-03-2021 01:00:00 · 0 Commmenti

ILGA Portogallo e GAT - Treatment Activists Group hanno raccomandato che il governo elimini immediatamente tutti i criteri o limiti di tempo per l'esclusione dei donatori di sangue a causa dell'orientamento sessuale.

Queste e altre cinque raccomandazioni sono state presentate all'Assistente Segretario di Stato e Salute, António Lacerda Sales, e al Segretario di Stato per la Cittadinanza e l'Uguaglianza, Rosa Monteiro, durante un'audizione su richiesta di ILGA Portogallo (Intervento Lesbiche, Gay, Bisessuali, Trans e Intersessuali) e del GAT dopo che sia la Direzione Generale della Sanità (DGS) che l'Istituto Portoghese del Sangue e dei Trapianti (IPST) hanno ammesso che è necessario chiarire la regola sull'esclusione dei donatori di sangue a causa di comportamenti sessuali a rischio.

All'udienza, che ha avuto luogo il 4 marzo, ILGA e GAT hanno difeso "l'abolizione esplicita di qualsiasi criterio o limite di tempo per l'esclusione dei donatori in base al loro orientamento sessuale - reale o percepito" e il "chiarimento inequivocabile dei criteri oggettivi di ammissibilità e la loro comunicazione pubblica", entrambi immediatamente.

Entro un mese chiedono una revisione delle informazioni contenute nelle cartelle cliniche dei donatori che sono stati esclusi in modo permanente o temporaneo dalla donazione a causa del loro orientamento sessuale.

D'altra parte, propongono che si crei una campagna nazionale di sensibilizzazione sui comportamenti a rischio e sui criteri di idoneità alla donazione di sangue, che si creino sinergie tra le autorità sanitarie e le organizzazioni della società civile per la formazione sui comportamenti e le pratiche non discriminatorie tra gli operatori sanitari, così come la revisione del manuale di valutazione dei criteri che serve da guida per il lavoro dei tecnici dell'IPST, il tutto entro due mesi.

Infine, vogliono che ci sia un "impegno alla produzione di prove scientifiche" per dimostrare se si possa o meno fare una "valutazione caso per caso per i lavoratori del sesso e le persone che usano droghe iniettabili e inalabili", per la quale danno un termine di un anno.

L'audizione con i due segretari di stato, anche se richiesta da più tempo, arriva dopo che il ministero della Salute ha annunciato il 1° marzo la creazione di un gruppo di lavoro per rivedere, entro una settimana, la norma del 2016 che definisce i criteri di esclusione dei donatori di sangue per comportamenti sessuali a rischio.

Secondo le due organizzazioni, dall'entrata in vigore della norma 009/2016 - rivista nel 2017 - che "ci sono state segnalazioni sistematiche di discriminazione contro i donatori di sangue gay e bisessuali" che si vedono rifiutare la donazione dopo aver ipotizzato di avere rapporti sessuali con uomini.

La polemica è nata in seguito al caso di un uomo che ha denunciato di essere stato discriminato quando ha cercato di donare il sangue il 23 gennaio, nella stazione fissa di donazione dell'IPST a Lisbona, dopo che questo ente aveva fatto un appello per la donazione.

La situazione è accaduta a Bruno Gomes d'Almeida che, dopo tre ore di fila e un'altra ora di attesa al triage, si è trovato di fronte a diverse domande che presupponevano che avesse dei partner. Quando ha corretto e supposto di avere un partner, si è sentito rispondere che "allora non può donare il sangue" e che "gli uomini che fanno sesso con gli uomini non possono donare il sangue".

Più tardi, Lusa ha riferito che un medico dell'IPST ha scritto via e-mail che "agli uomini che fanno sesso con gli uomini è impedito di donare il sangue", sostenendo che "il 90% dei casi di sieropositività [identificati] nelle donazioni di sangue provengono da uomini che fanno sesso con uomini e che lo hanno omesso nello screening clinico".

Il 2 marzo, l'IPST ha annunciato di aver aperto tre processi d'inchiesta contro professionisti per presunte pratiche discriminatorie nella donazione di sangue da parte di uomini omosessuali, uno riguardante il medico che ha dato la risposta per posta e gli altri ai professionisti che hanno fatto lo screening di Bruno Gomes d'Almeida.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.