Il Portogallo allenta il blocco - Cosa c'è da sapere

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19 · 12-03-2021 09:48:00 · 0 Commmenti

Il governo ha annunciato le nuove misure per facilitare l'isolamento in tutto il paese, che avranno luogo tra il 15 marzo e il 3 maggio.

Il processo sarà "graduale" e sarà soggetto a valutazioni bisettimanali basate sul rischio di Covid-19.

Mentre alcune imprese e l'istruzione apriranno lentamente, il primo ministro António Costa ha reso molto chiaro che i portoghesi dovranno rimanere nelle loro case in isolamento generale fino a Pasqua.

Le misure di riapertura saranno riviste ogni volta che il Portogallo supererà "120 nuovi casi [di infezione] al giorno per 100 mila abitanti in 14 giorni" o ogni volta che l'indice di trasmissibilità (Rt) del virus SARS-CoV-2 supererà l'1.

Questo piano di allentamento dell'isolamento del paese è stato presentato il giorno in cui il presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, ha decretato, per la tredicesima volta, il rinnovo dello stato di emergenza per altri quindici giorni, fino al 31 marzo.

Ecco cosa c'è da sapere sul nuovo allentamento delle misure di blocco:

Cosa riapre il 15 marzo

In questa data riaprono gli asili nido, le scuole materne ed elementari, così come le attività di tutoraggio (ATL) per le stesse età.

Il commercio alla porta è autorizzato e possono riaprire parrucchieri, manicure e simili, così come le librerie, il commercio di automobili, la mediazione immobiliare, le biblioteche e gli archivi.

Cosa riapre il 5 aprile

In questa seconda fase, gli studenti del secondo e terzo ciclo tornano all'istruzione frontale, alle attività di tutoraggio (ATL) per le stesse età e alle strutture sociali nell'area della disabilità.

In questa data riaprono anche musei, monumenti, palazzi e gallerie d'arte e negozi con una superficie fino a 200 metri quadrati e con una porta sulla strada.

Si prevede anche la ripresa delle fiere e dei mercati non alimentari, questa decisione sarà presa però a livello comunale.

Le terrazze possono essere frequentate di nuovo fino a quattro persone, si possono praticare sport a basso rischio e l'attività fisica all'aperto è consentita in gruppi di massimo quattro persone. Le palestre riaprono, ma senza lezioni di gruppo.

Cosa riapre il 19 aprile

Il piano prevede, in questa data, la riapertura delle scuole secondarie e delle università.

Nel settore della cultura, è prevista la riapertura di cinema, teatri, auditorium e sale da concerto.

I negozi dei cittadini riapriranno di nuovo con servizi su appuntamento, così come tutti i negozi e i centri commerciali.

Nell'area della ristorazione, l'apertura di ristoranti e caffè è autorizzata, ma con una capacità massima di quattro persone all'interno di un tavolo o di sei persone sulle terrazze e con orari di apertura fino alle 22:00 durante la settimana e fino alle 13:00 durante i fine settimana.

L'attività fisica è di nuovo autorizzata all'aperto in un gruppo di massimo sei persone, così come gli sport a medio rischio.

Il piano prevede anche che si possano realizzare eventi all'aperto con capacità ridotta e matrimoni e battesimi con la restrizione del 25 per cento della capacità degli spazi.

Cosa riapre il 3 maggio

Il piano indica che, dal 3 maggio, ristoranti, caffè e pasticcerie potranno operare senza limiti di tempo, ma con una capacità limitata a un massimo di sei persone in un tavolo all'interno o 10 sulla terrazza.

Inoltre, tutti gli sport, gli sport all'aperto e le palestre non hanno più restrizioni.

A partire da questa data, i grandi eventi all'aperto e al chiuso con capacità ridotta sono di nuovo permessi e i matrimoni e i battesimi possono essere tenuti con il 50% della capacità.

Divieto di movimento tra i comuni

La circolazione tra i comuni del Portogallo continentale sarà vietata durante il fine settimana del 20 e 21 marzo e durante il periodo di Pasqua, tra il 26 marzo e il 5 aprile.

Questa misura intende "garantire che la Pasqua non sia un momento di viaggi e incontri, ma, al contrario, un altro momento di blocco", ha giustificato il primo ministro.

Obbligo generale di blocco fino a Pasqua

L'obbligo generale di reclusione continuerà fino a Pasqua, con António Costa che considera che questa è una delle "regole generali" che devono essere mantenute nelle prossime settimane, il che significa che le persone dovrebbero rimanere a casa quando possibile.

Il primo ministro ha dichiarato che l'isolamento generale sarà rivalutato dopo Pasqua, ricordando che può esistere solo quando c'è lo stato di emergenza.

"In assenza di uno stato di emergenza, abbiamo adottato un'altra figura, che chiamiamo il dovere civico di raccoglimento", ha detto.

Confine con la Spagna chiuso fino a Pasqua

Il primo ministro ha detto che nonostante i livelli di pandemia in Portogallo e Spagna permettano la riapertura della frontiera, questa rimarrà chiusa fino a Pasqua.

Test nelle scuole

Il nuovo programma di test di screening del coronavirus nelle scuole monitorerà la riapertura dei diversi livelli di istruzione, al fine di rilevare eventuali casi di Covid-19.

I bambini dell'asilo, così come gli studenti delle scuole materne ed elementari, tornano a scuola il 15, e il programma di screening di laboratorio per la SARS-Cov-2 prevede che i test vengano eseguiti all'inizio della scuola.

Lavorare da casa

Il piano del governo per controllare i punti pandemici afferma che il lavoro a distanza dovrebbe continuare come parte delle regole generali di chiusura.


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.