'Statutario' è la parola giusta. Il segretario di Stato americano Henry Kissinger, che vinse il premio per la pace nel 1973 per aver messo fine alla guerra del Vietnam, ammise persino che voleva solo un "intervallo decente" di due anni dopo il ritiro degli Stati Uniti prima che il Vietnam del Nord conquistasse il Vietnam del Sud - cosa che fece nel 1975.

Mentre Aung San Suu Kyi, la leader birmana pro-democrazia che ha vinto il premio nel 1991, ha aspettato quasi vent'anni prima di difendere il genocidio contro i Rohingya commesso dal governo da lei nominalmente guidato davanti alla Corte internazionale di giustizia.

Dovrebbero tutti ricordare la regola di Groucho Marx: "Mi rifiuto di entrare in un club che mi vorrebbe come membro". Il Club dei premi per la pace ha alcuni membri molto loschi, così sono tornato indietro e ho guardato quello che ho scritto quando questi luminari hanno vinto i loro premi per la prima volta. (Sono in questo gioco da molto tempo) e ho scoperto che in un certo senso li ho difesi tutti.

Henry Kissinger non stava cercando di vincere un premio. Sapeva che gli Stati Uniti avevano perso la guerra in Vietnam e voleva uscirne, ma aveva bisogno di mascherare la sconfitta per portare i nazionalisti più ignoranti del Congresso e del paese con la sua politica. Così firmò un "trattato di pace" che né lui né la sua controparte nordvietnamita si aspettavano durasse.

Realpolitik cinica, se volete, ma in realtà stavano cercando di minimizzare le uccisioni, sapendo bene che ce ne sarebbero state altre. Questa è la difesa che ho offerto anche per Aung San Suu Kyi. Non ha potuto impedire all'esercito di massacrare i Rohingya, e ha difeso le sue azioni a livello internazionale perché pensava che questo potesse impedirle di prendere di nuovo il potere.

Se questo era il suo motivo, ha fallito: guardate il bagno di sangue in Birmania ora. Era davvero questo il suo motivo? È impossibile dirlo, perché ha ripetuto le bugie razziste dei militari sui Rohingya con più entusiasmo di quanto fosse strettamente necessario solo per placare i generali. Ma si può vedere sia lei che Kissinger come persone intelligenti che cercano di scegliere il male minore.

Questa difesa non è disponibile per Abiy Ahmed, che ha ottenuto il Premio per la Pace solo diciassette mesi dopo aver messo fine al "conflitto congelato" con l'Eritrea e diciannove mesi dopo aver preso il potere in Etiopia. Come per l'assurdo premio per la pace a Barack Obama solo dieci mesi dopo il suo insediamento nel 2009, il comitato di selezione ha semplicemente saltato troppo presto.

Almeno Obama non ha iniziato una guerra, mentre in retrospettiva sembra probabile che Abiy Ahmed abbia firmato un trattato di pace per porre fine al confronto militare con l'Eritrea che durava da 20 anni, perché la considerava un probabile alleato nella guerra che già prevedeva con i suoi ex alleati del Tigray. (Il Tigray è una provincia etiope che condivide il confine con l'Eritrea).

La guerra era quasi inevitabile, perché l'ascesa al potere di Abiy ha segnato la fine di un

periodo di 27 anni in cui i membri del Tigray People's Liberation Front (TPLF) hanno dominato l'Etiopia. (Abiy appartiene a uno dei due maggiori gruppi etnici del paese, gli Oromo).

I tigrini sono solo il 6% dei 100 milioni di abitanti dell'Etiopia, ma i loro combattenti erano più numerosi di tutti gli altri nell'esercito di guerriglia che alla fine ha rovesciato la dittatura Derg, così sono scivolati naturalmente nelle sedi del potere nel 1991 - e ci sono rimasti in modo semi-permanente.

Ogni altro gruppo etnico stava cercando un modo per spodestare il TPLF senza una guerra civile, e Abiy sembrava una buona scelta perché aveva combattuto a fianco dei ribelli tigrini dall'età di quattordici anni e parlava fluentemente il tigrino. Ma questo non era abbastanza per riconciliare i tigrini alla loro perdita di potere, naturalmente, e Abiy e il TPLF sapevano entrambi che sarebbe probabilmente finito in guerra.

Cosa che è avvenuta, e l'esercito eritreo si è unito alle truppe federali etiopi di Abiy per invadere il Tigray. Le forze regolari del TPLF sono state sconfitte in poche settimane, e la guerra lunga anni, forse addirittura decenni, contro la resistenza della guerriglia tigrina è iniziata. Così sono iniziati gli omicidi di massa, gli stupri di massa, i saccheggi e la distruzione casuale che sono le caratteristiche delle guerre etniche.

Ora stanno apparendo i primi video di truppe etiopi che sparano a giovani tigrini disarmati e gettano i loro corpi in una scogliera. (Perché fanno sempre questi video? Ne vanno fieri?) Entro la fine di quest'anno, probabilmente lo chiameremo ufficialmente genocidio, ma questo non lo fermerà. Niente lo farà, per molto tempo.

E posso difendere anche Abiy Ahmed? Capisco quanto fosse difficile la sua situazione, e tutte le altre pressioni separatiste in Etiopia, e il fatto che ha iniziato come bambino soldato, ma no, non posso.