La GNR arresta 51 persone e registra 1.100 reati ambientali

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente, Crimine · 25-04-2021 14:00:00 · 0 Commmenti

La Guardia Nazionale Repubblicana (GNR) ha arrestato 51 persone, registrato 18.884 reati e rilevato 1.100 crimini relativi alla protezione della natura e dell'ambiente nel 2020.

In un comunicato, la GNR ha detto che nel 2020 e nell'ambito della protezione della natura e dell'ambiente, i militari della SEPNA hanno effettuato 73.450 pattugliamenti e 228.244 ispezioni che hanno portato all'arresto di 51 persone, al sollevamento di 18.884 infrazioni e al rilevamento di 1.100 reati.

La GNR fa anche il bilancio della linea telefonica SOS Ambiente e Território do SEPNA, disponibile 24 ore su 24 attraverso il numero 808 200 520, che ha registrato, nel 2020, un totale di 12.185 denunce, che hanno portato alla registrazione di 2.286 infrazioni amministrative e 110 reati a seguito delle infrazioni rilevate.

Secondo la polizia, la linea permette a qualsiasi cittadino di segnalare situazioni che violano la legislazione ambientale e ottenere consigli su questioni relative alla natura, all'ambiente, alle foreste, agli animali domestici, alle leggi sanitarie e di pianificazione territoriale.

La GNR riferisce che svolge un'ampia gamma di attività legate alla caccia, ai rifiuti, alla manipolazione di prodotti fitosanitari, alla difesa della foresta dagli incendi, all'estrazione di materiali inerti e ad animali e animali domestici potenzialmente pericolosi.

La corporazione dice anche che il crimine ambientale è una delle priorità nella lotta contro il crimine internazionale grave e organizzato adottata dal Consiglio dell'Unione Europea, tenendo conto che è diventato una delle attività più redditizie del crimine organizzato nel mondo, avendo un impatto non solo sull'ambiente, ma anche sulla società e l'economia nel suo insieme.

"L'Unione Europea cerca di concentrare la sua lotta sullo smantellamento delle organizzazioni criminali coinvolte nel traffico di specie selvatiche e sulla lotta contro tutti coloro che sono coinvolti nel traffico illegale di rifiuti, oltre a stabilire partenariati con enti e organizzazioni per migliorare il controllo e la lotta contro il crimine ambientale", ha detto il GNR.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.