Il Portogallo passa alla fase finale del blocco

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19 · 30-04-2021 16:18:00 · 0 Commmenti

La fase finale di allentamento del blocco per la maggior parte del Portogallo entrerà in vigore domani (sabato 1 maggio), con gran parte del paese che tornerà alla relativa normalità. Ecco cosa c'è da sapere.

L'annuncio, fatto dal primo ministro, includeva la notizia che otto comuni non passeranno alla fase finale del blocco a causa dei tassi di Covid in queste aree, tra cui Portimão in Algarve che rimarrà nella prima fase.

L'anticipo dell'allentamento dell'isolamento "si applica alla maggior parte del territorio del continente, si applica a 270 delle 278 contee del continente", ha detto António Costa.

Le misure si applicano da sabato, 1 maggio, nel contesto della fine dello stato di emergenza e l'inizio dello stato di calamità, nel contesto della pandemia di covid-19, ha detto il funzionario del governo.

Delle otto contee impedite di procedere alla quarta fase sono Miranda do Douro, Paredes e Valongo, che rimangono nella terza fase, Aljezur e Resende, che si ritireranno nella seconda fase, Carregal do Sal, che continua ad essere nella seconda fase e Portimão, che è ancora nella prima fase, dopo essersi ritirata 15 giorni fa.

Oltre a Portimão, le parrocchie di São Teotónio e Almograve, nel comune di Odemira, sono anche collocate nel recinto sanitario a causa dell'alta incidenza di casi di covid-19, soprattutto tra i lavoratori del settore agricolo.

Tuttavia, il resto delle parrocchie di questo comune del distretto di Beja applicano le regole previste nella quarta fase del piano di allentamento del blocco.

Tra i 270 comuni che avanzano alla quarta fase ci sono Rio Maior e Moura, due dei quattro comuni che si erano ritirati alla prima fase 15 giorni fa, perché "hanno avuto un grande recupero", ha detto il primo ministro, aggiungendo che cinque dei sei comuni che sono rimasti nel secondo livello nell'ultima valutazione quindicinale passeranno ora anche alla quarta fase: Alandroal, Albufeira, Figueira da Foz, Marinha Grande e Penela.

António Costa ha anche detto che ci sono 27 comuni che devono essere allertati, perché hanno un tasso di incidenza di Covid-19 superiore a 120 casi per 100 mila abitanti.

Questi 27 comuni sono: Alijó, Alpiarça, Arganil, Batalha, Beja, Boticas, Cabeceiras de Baixo, Castelo de Paiva, Celorico de Basto, Cinfães, Coruche, Fafe, Figueiró dos Vinhos, Lagos, Lamego, Melgaço, Oliveira do Hospital, Paços de Ferreira, Penafiel, Peniche, Peso da Régua, Ponte da Barca, Póvoa de Lanhoso, Tábua, Tabuaço, Vidigueira e Vila Real de Santo António.

Vedi sotto le restrizioni in vigore per ciascuna delle fasi:

Prima fase del piano

Le restrizioni e le misure previste nella prima fase del piano di allentamento del blocco saranno nuovamente applicate, a partire da sabato, a Portimão e nelle parrocchie di São Teotónio e Almograve, nel comune di Odemira.

L'arretramento implica la chiusura di terrazze, negozi fino a 200 metri quadrati (m2) con una porta sulla strada, palestre, musei, monumenti, palazzi, gallerie d'arte e simili.

C'è il divieto di fiere e mercati non alimentari, così come gli sport a basso rischio.

Cosa è permesso?

- Commercio alla porta per asporto;

- Saloni di parrucchiere, manicure e simili, con appuntamento;

- Stabilimenti di vendita al dettaglio di libri e supporti musicali;

- Parchi, giardini, spazi verdi e di svago;

- Biblioteche e archivi.

Seconda fase del piano

La seconda fase di allentamento della chiusura si applica ai comuni di Aljezur, Resende e Carregal do Sal.

Cosa è permesso?

- Funzionamento di negozi fino a 200 m2 con una porta sulla strada;

- Fiere e mercati non alimentari (per decisione comunale);

- Funzionamento di terrazze, con un limite massimo di quattro persone per tavolo, fino alle 22:30 nei giorni feriali e fino alle 13:00 nei fine settimana;

- Pratica di modalità sportive considerate a basso rischio;

- Attività fisica all'aperto per un massimo di quattro persone;

- Funzionamento di palestre senza classi di gruppo;

- Funzionamento di strutture sociali nell'area della disabilità.

Terza fase del piano

Miranda do Douro, Paredes e Valongo sono i comuni che rimangono nella terza fase dell'allentamento dell'isolamento.

Cosa è permesso?

- Apertura di tutti i negozi e centri commerciali;

- Apertura di ristoranti, caffè e pasticcerie (con un massimo di quattro persone per tavolo all'interno o 6 per tavolo sulle terrazze), fino alle 22:30 nei giorni feriali o alle 13:00 nei fine settimana e festivi;

- Cinema, teatri, auditorium;

- Negozi per cittadini con servizio faccia a faccia su appuntamento.

- Modalità sportive a medio rischio;

- Attività fisica all'aperto per un massimo di 6 persone;

- Eventi all'aperto con capacità ridotta (cinque persone per 100 m²);

- Matrimoni e battesimi con una capacità del 25%.

Quarta fase del piano

La quarta e ultima fase dell'allentamento della chiusura sarà applicata alla maggior parte del Portogallo continentale, precisamente a 270 dei 278 comuni.

Cosa è permesso?

- Ristoranti, caffè e pasticcerie potranno operare, sia durante la settimana che nei fine settimana, fino alle 22:30, con la limitazione limitata a un massimo di sei persone per tavolo all'interno e 10 persone per tavolo sulle terrazze;

- Il commercio in generale può essere aperto fino alle 21:00 nei giorni feriali e fino alle 19:00 nei fine settimana e nei giorni festivi;

- Gli spettacoli culturali iniziano alle 22:30 come orario limite;

- La pratica di tutti gli sport è ora consentita, così come e per tutte le attività fisiche all'aperto;

- Le palestre possono lavorare con classi di gruppo, rispettando le regole di sicurezza e igiene;

- La capacità per matrimoni e battesimi è ora limitata al 50% dello spazio.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.