Il turismo e i ristoranti vedono miglioramenti

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Turismo, COVID-19, Business, Economia · 12-05-2021 14:43:00 · 0 Commmenti

I ristoranti e le aziende di alloggio turistico hanno visto miglioramenti nell'attività in aprile, con il progresso dell'allentamento della chiusura, ma "c'è una lunga e dolorosa strada da percorrere".

L'indagine mensile dell'Associazione portoghese degli alberghi, ristoranti e affini (AHRESP) per il mese di aprile conclude che le aziende del settore hanno registrato miglioramenti nell'attività con l'avanzamento del piano di blocco, ma "la situazione è ancora preoccupante, come risultato di più di un anno con enormi perdite".

Secondo i dati raccolti, nel settore della ristorazione, il 26 per cento delle aziende sta pensando di andare in insolvenza, dato che le entrate realizzate e previste non sopporteranno tutti i costi che derivano dal normale funzionamento della loro attività, con più della metà (52 per cento) che hanno un fatturato in calo in aprile di più del 40 per cento.

Come risultato della ancora forte riduzione della fatturazione, l'11 per cento delle aziende non è stato in grado di pagare i salari in aprile e un altro 11 per cento solo parzialmente.

Data questa realtà, il 40 per cento delle aziende di ristorazione afferma di aver già effettuato licenziamenti dall'inizio della pandemia.

"Senza un ulteriore sostegno ai fondi a fondo perduto, il 31 per cento delle aziende suppone che non saranno in grado di mantenere la loro attività", ha detto l'associazione.

Nell'alloggio turistico, il 19 per cento delle aziende ha indicato che la loro attività è stata sospesa, il 43 per cento non ha registrato alcuna occupazione in aprile e il 27 per cento ha indicato un'occupazione fino al 10 per cento.

Per il mese di maggio, il 32 percento delle imprese stima un tasso di occupazione pari a zero e il 28 percento delle imprese prevede un'occupazione massima del 10 percento, dice lo stesso studio.

In questo contesto, l'11 per cento delle aziende del settore sta pensando di andare in insolvenza perché non è in grado di sostenere tutti i costi normali della sua attività, e il 40 per cento delle aziende intervistate ha dichiarato che il calo del fatturato in aprile è stato superiore al 90 per cento.

Come conseguenza della forte riduzione della fatturazione, il 22% delle aziende non ha potuto pagare i salari a marzo e il 5% lo ha fatto solo parzialmente.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.