Nel Village Underground di Lisbona, nel quartiere di Alcântara, si nasconde Village Food. Il quartiere, una volta un fiorente porto sul fiume Tago, è ora diventato un centro di ristoranti, bar e caffè alla moda. Molti di questi si trovano sul lungomare, e i locali vicino al ponte 25 de Abril, sono magazzini convertiti dei Docks di Santo Amaro. Dall'altra parte dei binari del treno, c'è il ristorante Village Food. Un posto eccentrico, che potrebbe sfuggirti se non fosse per l'insegna Village Underground sul muro e i grandi graffiti all'ingresso.

Il Village è fatto di vecchi container e scuolabus, ristrutturati e trasformati in uffici e in un ristorante. Si può anche mangiare all'interno del ristorante dell'autobus per un'esperienza più accogliente e unica, con una vista che domina l'intera location e scorci del ponte 25 de Abril. Puoi anche provare a mangiare il tuo pasto su uno dei loro tavoli a dondolo all'esterno, risvegliando il bambino che c'è in te, a patto che tu non soffra facilmente di vertigini o nausea. Intorno al sito, piccoli giardini fioriscono qua e là. Mentre cammini, alcune persone stanno piantando le erbe aromatiche e le verdure che presto assaggerai nel delizioso pasto che ti aspetta.

Perfetto per un pranzo tra amici, tra colleghi o per il vostro prossimo posto di appuntamento originale, il Village Food offre un menu semplice ma molto gustoso.

Mentre aspettate che arrivi il dessert, fate una passeggiata intorno al villaggio per ammirare la street art che hanno in mostra, portando colore, vita e umorismo, in una zona generalmente grigia e industriale. Andateci per il cibo, restateci per l'atmosfera e l'ambiente unico che il villaggio ha da offrire. Hanno anche un'importante vita notturna. Il loro menu del bar offre una varietà di cocktail, con prezzi a partire da 7 euro. Dietro il ristorante, hanno anche un palco dove si tengono concerti, spettacoli, mostre.

Prima che la pandemia colpisse, il villaggio aveva circa 2.000 persone che passavano di notte per bere e ascoltare musica. Anche se con le restrizioni Covid-19 ora in vigore, tutti devono rimanere seduti al loro tavolo, che come dice Francisco, il manager del Village Food, "non vuole davvero far venire la gente" se non possono ballare insieme alla musica techno che suona.

Il villaggio è fondamentalmente uno spazio aperto a tutto ciò che è artistico, culturale, diverso, sostenibile e soprattutto creativo. Riunisce creatori e artisti, concentrandosi principalmente sulla cultura di strada, sia attraverso la musica, l'arte, lo skateboarding... e così via! Il ristorante, che ha recentemente festeggiato i sette anni di attività, è aperto da mercoledì a sabato dalle 11 alle 23 e la domenica dalle 11 alle 20, per servire brunch, pranzi tardivi, spuntini e cene.
KL