Tutti nell'esercito nazionale afgano sanno già che la guerra è persa. Quindi i rapporti dell'intelligence americana che prevedono che il governo fantoccio di Ashraf Ghani (il termine non è troppo duro) potrebbe cadere entro sei-dodici mesi dal ritiro delle truppe americane sono troppo ottimisti.

Le ultime truppe tedesche, italiane e britanniche hanno lasciato l'Afghanistan la settimana scorsa, e le ultime truppe statunitensi se ne stanno andando proprio ora, a parte circa 650 soldati a guardia dell'ambasciata americana e dell'aeroporto. (Tenere sempre l'aeroporto, perché la gente in fila sul tetto dell'ambasciata in attesa dell'ultimo elicottero in partenza è una brutta figura).

Ma Kabul potrebbe cadere in molto meno di sei mesi. I Talebani tengono già almeno metà del paese e stanno prendendo nuovi quartieri letteralmente ogni giorno, compresi quelli a solo un'ora di macchina a nord e a sud della capitale. L'esercito si sta sciogliendo e l'aviazione sarà messa a terra entro poche settimane, una volta che il supporto tecnico straniero andrà a casa.

Ci sono voluti quasi tre anni dopo il ritiro dell'Unione Sovietica dall'Afghanistan nel 1989 perché il regime comunista locale fosse cacciato dal potere dai mujaheddin (precedentemente armati e pagati dagli Stati Uniti).

I mujaheddin si sono poi divisi tra loro, e ci sono stati altri quattro anni di guerra civile prima che i Talebani sconfiggessero finalmente gli altri gruppi e prendessero il potere a Kabul nel 1996. E non hanno mai controllato l'intero paese: la maggior parte dei Talebani erano Pashtun, e le milizie etniche rivali hanno tenuto duro nelle province settentrionali fino all'invasione statunitense del 2001.

Il gruppo di mujaheddin che è diventato i talebani ha passato dieci anni a combattere l'occupazione russa, poi sette anni a combattere il regime locale e i gruppi di mujaheddin rivali; poi cinque anni al potere; e poi altri venti anni a combattere l'occupazione statunitense. Non sorprende che abbiano imparato alcune cose in questo tempo.

La cosa più importante è che hanno ampliato i loro membri e la loro influenza tra i gruppi non pashtun: le province settentrionali che ora stanno cadendo così velocemente sono le aree che non hanno mai controllato durante il loro ultimo periodo di potere. Questa volta non vinceranno solo rapidamente. Vinceranno completamente.

Poi ci sarà un periodo di vendetta in cui i "traditori" che lavoravano per gli americani o per altri paesi della NATO saranno cacciati e uccisi.

Le donne saranno cacciate dalla forza lavoro, le scuole femminili saranno chiuse, la musica sarà proibita e gli uomini saranno picchiati perché non portano la barba. I comportamenti stranieri malvagi introdotti dall'occupazione russa e riportati dall'occupazione statunitense saranno espunti, e la versione estrema dell'Islam dei Talebani regnerà incontrastata.

È una tragedia per l'Afghanistan, ma non avrà molta importanza per il mondo. I Talebani non hanno mai avuto alcun interesse per il resto del mondo. La loro agenda era ed è ancora interamente domestica e religiosa: rendere l'Afghanistan un posto correttamente timorato di Dio, e tutte le altre cose buone seguiranno automaticamente.

L'idea che l'Afghanistan diventerà di nuovo un'importante base terroristica una volta che i Talebani avranno ripreso il potere si basa sulla sciocca convinzione che la prima volta era una base importante per l'attività terroristica. I terroristi in realtà non hanno bisogno di 'basi'; l'essenza dell'impresa è essere invisibili fino a quando non si colpisce, e le armi di cui si ha bisogno non sono né grandi né difficili da ottenere.

La maggior parte dei dirottatori dell'11 settembre ha ricevuto un certo 'addestramento' nel campo di Osama bin Laden, ma erano arabi, non afghani, e quanto addestramento serve per dirottare un aereo? Beh, ok, quattro di loro avevano bisogno di un addestramento di volo, ma l'hanno fatto negli Stati Uniti.

Bin Laden era in Afghanistan solo perché la pressione americana lo ha fatto espellere dalla sua precedente "base" in Sudan. Il leader talebano, il mullah Omar, gli permise di stabilirsi a Kandahar perché i due uomini erano diventati amici intimi quando lavoravano negli anni '80 nella jihad sostenuta dagli americani contro i russi in Afghanistan.

Ma Bin Laden disse a Omar del suo piano di uccidere migliaia di americani dirottando aerei commerciali? Il primo principio di ogni lavoro segreto è il "bisogno di sapere", e Omar non aveva bisogno di sapere. Infatti, avrebbe potuto obiettare se avesse saputo, perché avrebbe capito che l'Afghanistan sarebbe stato invaso se l'attacco dell'11 settembre fosse andato avanti.

L'Afghanistan non era una "grande base terroristica" in passato, e probabilmente non lo diventerà in futuro. E se lo diventa, e allora? Almeno allora si saprà dove sono.