Olio d'oliva di Trás-os-Montes con il miglior anno di sempre nella pandemia

scritto TPN/Lusa, in Business · 21-07-2021 17:27:00 · 0 Commmenti

L'olio d'oliva di Trás-os-Montes sta avendo "il miglior anno di sempre" con un aumento della domanda che le organizzazioni del settore attribuiscono ai cambiamenti nelle abitudini dei consumatori derivanti dalle restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19.

La gente è rimasta a casa e ha iniziato a cucinare i propri pasti, dove l'olio d'oliva ha guadagnato spazio a tavola, con un aumento della domanda mondiale del 6 per cento, che si è riflesso anche nella domanda di oli d'oliva tradizionali di Trás-os-Montes.

"Non abbiamo mai avuto un anno così buono", ha detto Artur Aragão, di Casa Aragão, ad Alfândega da Fé, distretto di Bragança, il secondo più grande frantoio di Trás-os-Montes, dopo Valpaços.

Nell'ultima campagna, questa azienda ha prodotto 1,2 milioni di litri di olio dai circa 1.300 agricoltori con cui lavora e ha dovuto acquistare altri 500.000 litri per soddisfare la domanda.

Dal 2019 al 2020 ha registrato un aumento delle vendite del 23% e al 30 aprile 2021 aveva già superato gli 1,7 milioni di euro fatturati nel 2020, con un aumento del 25% rispetto all'intero anno precedente.

La spiegazione che trova è che "la gente era a casa, aveva tempo per cucinare, per preoccuparsi della propria salute e sceglieva i prodotti migliori", oltre al fatto che "la gente era anche attenta ad iniziare a comprare prodotti portoghesi".

Nei ristoranti le vendite di olio d'oliva sono scese a "valori residui, tuttavia, in termini di consumo attraverso i supermercati, l'aumento è stato molto, molto grande".

Il mercato portoghese rappresenta solo "il 10 per cento" del fatturato di questo business, che esporta la maggior parte dei suoi oli d'oliva in paesi dal Brasile al Giappone, e l'Unione europea, e che ha conquistato nuovi mercati come il Kosher (ebraico) e si prepara ad entrare nel mercato Halal (musulmano).

Casa Aragão ha una relazione più stretta con il Brasile, che ha aperto le porte a nuovi clienti e ha già promosso la creazione di un gruppo di produttori biologici in Alfândega da Fé, con 54 produttori che raggiungono un apprezzamento di 40 centesimi per litro di olio d'oliva rispetto ad altri mercati.

Nel mezzo della campagna, questa azienda raccoglie "altri sette o otto" lavoratori per 11 posti di lavoro permanenti ed è stata evidenziata dai premi internazionali che raccoglie, con 18 solo quest'anno in concorsi internazionali in Italia, New York e Giappone.

"L'olio d'oliva di Trás-os-Montes è unico, se guardiamo i premi internazionali, quelli che vince il Portogallo, la grande maggioranza sono dell'olio d'oliva di Trás-os-Montes", ha sottolineato Artur Aragão.

Come ha sottolineato, "sono oli completamente unici e irripetibili e sempre diversi di anno in anno, a causa delle caratteristiche dell'oliveto, del clima, del suolo, del tipo di terreno più scistoso e della miscela di varietà di olive".

L'olio d'oliva di Trás-os-Montes è un prodotto di origine portoghese con Denominazione di Origine Protetta (DOP) dall'Unione Europea dal 1996 e, secondo i dati delle organizzazioni di settore, genera circa 30 milioni di € per l'economia nazionale.

La regione è il secondo maggior produttore, dopo l'Alentejo, e concentra la maggior parte degli oliveti tradizionali, che rappresentano il 15 per cento della produzione nazionale di olio d'oliva e si estende su 200.000 ettari.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.