Tuttavia, se confrontato con luglio 2019, l'indice per luglio 2021 è aumentato dell'1,1 per cento, secondo i dati dell'Istituto Nazionale di Statistica (INE).

"Questi risultati continuano ad essere influenzati da un effetto base, poiché il confronto si concentra sui mesi colpiti dalla pandemia, con diminuzioni su base annua del 4,5% e dell'1,5% rispettivamente a giugno e luglio 2020", afferma l'INE.

L'evoluzione dell'indice aggregato è dovuto a due segmenti, vale a dire una crescita su base annua del 2,8 per cento nei prodotti alimentari (5,0 per cento in giugno) e un aumento del 2,4 per cento nei prodotti non alimentari (9,2 per cento in giugno). I cambiamenti negli indici di questi gruppi sono stati rispettivamente del 5,8% e del 7,5% (7,0% e 13,3% nel mese precedente, nello stesso ordine).

Dopo un cambiamento su base annua dell'1,3% a giugno, l'indice dell'occupazione è sceso di nuovo, scendendo all'1,0% a luglio. La retribuzione e le ore lavorate hanno mostrato tassi di cambiamento anno su anno del 4,0 per cento e del 3,3 per cento, rispettivamente, quando a giugno i cambiamenti erano stati dell'8,0 per cento e del 10,7 per cento.