Non fraintendetemi. Non mi sto lamentando. Sto solo offrendo questo punto di vista in modo totalmente apolitico. Sappiamo tutti, fin troppo bene, che questa pandemia globale ha messo il gatto tra i piccioni. Il caos era inevitabile. Questo è stato il caso, non importa in quale parte del mondo la gente viva. Pochi sono sfuggiti al caos.

Nonostante tutti gli orrori, e purtroppo ce ne sono stati fin troppi, non credo proprio che nessuno di noi possa realisticamente puntare il dito contro qualcuno in particolare. Non possiamo nemmeno incolpare alcun gruppo di diverse persuasioni politiche. Questo non dovrebbe riguardare la politica.

Siamo tutti finiti nella stessa barca. Tutti noi stiamo affrontando questa situazione come meglio possiamo. Questo è un virus che nessuno aveva mai affrontato prima. Abbiamo dovuto fare i conti di corsa. Tutti quelli che possono fare qualcosa in realtà stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per proteggere vite preziose.

Stiamo ancora cercando di tracciare un percorso verso una parvenza di normalità. Ad oggi nessuno sembra avere la soluzione giusta in assoluto, né c'è ancora una pallottola d'argento. Ma la scienza va sempre avanti. I nuovi strumenti che potrebbero alla fine aiutare a domare COVID-19 potrebbero anche aiutarci ad affrontare future epidemie. Quello che si impara oggi sarà inestimabile quando si tratterà di prevenire le malattie negli anni futuri.

La scienza medica si è messa su un piede di guerra piuttosto serio contro il COVID-19 e molte lezioni molto importanti vengono effettivamente apprese sul campo di battaglia. A volte diventa un caso di 'cosa abbiamo da perdere' in tali situazioni disastrose. Non fare nulla è la non opzione.

La maggior parte di noi è molto grata per il successo dei vari programmi di immunizzazione che hanno avuto luogo a livello globale. Qualunque siano le nostre opinioni individuali riguardo al 'jab', non c'è dubbio che i vaccini abbiano contribuito a salvare innumerevoli vite insieme allo sviluppo e alla somministrazione di altri farmaci e trattamenti. Collettivamente tutti hanno contribuito a rendere il COVID-19 un po' meno potente e molto più sopravvivibile di quanto non fosse nelle prime fasi di questa pandemia - anche per coloro che sono stati abbastanza sfortunati da soccombere alle sue devastazioni più croniche. Ma non dobbiamo compiacerci troppo.

In poche parole, ogni paese sta provando qualcosa di un po' diverso dal prossimo. Speriamo che qualcuno, da qualche parte, trovi alla fine una soluzione che paghi effettivamente il dividendo finale. Ovvero, sconfiggere questo nemico invisibile.

Quindi, è bene confrontare le note e valutare i successi (e i fallimenti) di altri paesi come parte di una curva di apprendimento generale. La verità è che questo è molto chiaramente un problema globale che richiede davvero una soluzione globale sostenuta, per quanto difficile possa essere logisticamente. Non ha molto senso spegnere il fuoco principale e lasciare una zona di braci fumanti che potrebbero ancora una volta essere alimentate in un altro focolaio infuriato.

Non possiamo logicamente lasciare indietro nessuno in questa guerra contro il virus. È nell'interesse di tutti noi affrontare questa malattia ovunque si manifesti e fermare così la diffusione. Sicuramente tutte le autorità competenti dovrebbero lavorare all'unisono verso questo obiettivo.

La pandemia ha già dimostrato che il successo di un paese nel fermare la diffusione della malattia "oggi" sta solo potenzialmente alimentando le opportunità di una rapida diffusione virale in quello stesso paese "domani". Si è anche dimostrato difficile contenere questa malattia all'interno dei confini. L'immunità, comunque sia raggiunta, deve quindi essere la chiave.

Nessun singolo paese può davvero congratularsi per come ha affrontato il COVID-19. Nei primi giorni, sia il Portogallo che la Svezia sono stati universalmente salutati come magnifiche storie di successo per il modo in cui hanno gestito inizialmente la pandemia, solo in seguito sono emersi come statisticamente tra i più colpiti.

Sopprimere la diffusione del virus è davvero come tenere a freno gli incendi per alcuni anni successivi. Ma per tutto il tempo, siamo nervosamente consapevoli che la natura sta silenziosamente cospirando per alimentare sempre di più la boscaglia secca, pronta per il prossimo incendio da consumare. Solo un paesaggio bruciato, che porta le cicatrici, ha un reale grado di immunità da un futuro incendio.

Certamente non vorrei essere un ministro del governo responsabile in momenti come questi. Sembrano dannati se lo fanno e altrettanto dannati se non lo fanno. Cercare di sorvegliare la salute pubblica e allo stesso tempo tentare di nutrire le rispettive economie è stato un compito arduo. L'intero processo di bloccare una popolazione è assolutamente contro intuitivo in qualsiasi economia occidentale moderna. Ma cos'altro si poteva fare durante una pandemia, specialmente quando non erano disponibili vaccini?

In tutta questa mischia, ho visto lo Yin e lo Yan. Ho visto le conseguenze devastanti che le restrizioni ai viaggi hanno avuto sulle imprese in Portogallo, Spagna e Regno Unito. Ma allo stesso modo, dove vivo nel Galles del Nord ha assistito a un boom dell'industria delle vacanze come nessun altro. Improvvisamente il Galles del Nord, con i suoi ampi spazi aperti e i suoi magnifici paesaggi, è diventato il numero 1 nel Regno Unito per le vacanze. Ma questo non ha soddisfatto tutti. Ha portato ulteriore traffico stradale e grandi folle. L'eccesso generale di turismo ha portato a rifiuti, comportamenti antisociali e ha anche involontariamente creato un ambiente di vita sgradevole per molti residenti locali che semplicemente non sono stati abituati a trattare con un così grande afflusso di turisti.

Sembra che ci siano numerosi fattori in gioco, tutti che incoraggiano i turisti del futuro a considerare le loro opzioni.

Le ondate di calore estive sempre più gravi, con temperature che salgono vertiginosamente, stanno facendo desistere alcune persone dal recarsi nel sud dell'Europa nel pieno dell'estate. Molti hanno visto i filmati degli incendi devastanti che hanno recentemente spazzato la Grecia, la Turchia e l'Italia. La costante narrazione dei media su queste catastrofi climatiche è veramente spaventosa per molte persone.

Molti viaggiatori, più vulnerabili, hanno ancora paura degli aeroporti affollati e degli aerei di linea strapieni in questi tempi di COVID-19.

L'altro grande spauracchio sono tutte le diverse regole nei diversi territori e il considerevole compito di tenersi aggiornati su di esse.

Ci sono un sacco di persone con le dita bruciate là fuori. Famiglie che possono aver già avuto numerosi viaggi interrotti con poco preavviso. Si trovano di fronte alla scelta di pagare biglietti aerei di andata e ritorno molto costosi per battere la quarantena della "lista rossa" o altrimenti pagare 2.225 sterline a persona per isolarsi in uno squallido hotel di quarantena, probabilmente annesso a un'affascinante zona industriale britannica.

Aggiungete tutto questo ai requisiti confusi, spesso inefficienti e spesso costosi per i test PCR o a flusso laterale prima e dopo il viaggio ed è abbastanza facile capire come gli appetiti per visitare i lidi soleggiati siano stati notevolmente diminuiti.

Speriamo che le abitudini vengano cambiate solo a breve termine e che ci aspettino tempi molto più felici?