L'ultimo severo avvertimento proviene da Pavlo Kyrylenko, governatore della regione di Donetsk, nell'Ucraina orientale. Sulla scia dei referendum russi, criticati a livello internazionale, il mondo si aspetta ora che la Russia annunci l'annessione del territorio ucraino appena conquistato. A causa di questi nuovi sviluppi, sono già stati lanciati appelli affinché il popolo russo si sollevi contro il regime di Putin. L'inquietudine diffusa, le proteste e la vista di migliaia di soldati di leva in fuga dal Paese dimostrano che milioni di russi ne hanno abbastanza di questo conflitto.

Ma l'Ucraina deve prepararsi all'impensabile. Kyrylenko ha avvertito che se la Russia ricorre all'"opzione nucleare", la farà precipitare (la Russia) in "un abisso". Ha lanciato un avvertimento alle centinaia di migliaia di coscritti russi, attualmente mobilitati per combattere al fronte, dicendo che se andranno in Ucraina "moriranno, finiranno feriti o saranno catturati". Ha consigliato ai coscritti (molti dei quali sono noti per essere partecipanti non volenterosi alla guerra di Putin) di rimanere in Russia e di "sollevarsi contro il regime di Putin" piuttosto che affrontare la morte o la menomazione in prima linea.

Il governatore Kyrylenko ha parlato a Sky News mentre si stavano concludendo cinque giorni di referendum farsa nelle zone occupate dai russi della sua regione e nelle regioni di Zaporizhzhia, Luhansk e Kherson nel sud-est dell'Ucraina. I risultati (non riconosciuti a livello internazionale) hanno dimostrato una schiacciante maggioranza a favore del "SÌ" all'annessione di questi territori da parte della Russia. Kyrylenko ha dichiarato che questa mossa non diminuirà la determinazione dell'Ucraina e "non cambierà nulla" per quanto riguarda l'intenzione dell'Ucraina di reclamare tutto il territorio che è stato catturato dalle forze di Putin.

A Kyrylenko è stato chiesto se personalmente ritenesse che l'annessione del territorio ucraino sequestrato potesse potenzialmente aumentare la minaccia di un attacco nucleare tattico da parte delle forze di Putin. Kyrylenko ha risposto che la possibilità dovrebbe essere presa in considerazione e che il mondo dovrebbe essere preparato per "qualsiasi eventualità". Ha inoltre affermato che il Cremlino deve capire che un passo del genere farebbe precipitare la Russia in "un abisso". Il governatore ha anche sottolineato che esiste una reale possibilità di dispiegamento di armi chimiche o altre armi illegali di distruzione di massa e che l'Ucraina da tempo prende "molto sul serio" tali minacce. Gli sforzi ucraini per evacuare la popolazione dalle aree più "gravemente minacciate" sono in corso da tempo.

Gli osservatori sanno già che le forze ucraine hanno rafforzato le loro difese nella regione di Donetsk per aiutare a prevenire ulteriori avanzate russe. Gli ucraini stanno attivamente contrattaccando per riconquistare altro territorio controllato dai russi. Gli ucraini stanno attivamente sfruttando lo slancio guadagnato dalle controffensive dell'ultimo mese circa e hanno così riconquistato il territorio catturato nella regione di Kharkiv. Queste ultime conquiste strategiche da parte delle forze ucraine avrebbero fatto innervosire la Russia, che da allora ha affrettato i piani di annessione.

Quando è stato chiesto al governatore regionale se avesse qualche messaggio per Vladimir Putin, la sua risposta è stata prevedibilmente secca e diretta. Kyrylenko ha commentato che non credeva avesse senso inviare messaggi a una "persona malata" come Vladimir Putin. Kyrylenko ha invece preferito indirizzare i suoi messaggi alla gente comune russa, ribadendo il suo agghiacciante messaggio in cui affermava che i soldati di leva russi si trovano di fronte alla più cruda delle scelte: O eseguono gli ordini di Putin e si dirigono verso il territorio ucraino e affrontano la possibilità molto concreta di non tornare sul suolo russo vivi, di tornare in Russia con parti del corpo mancanti o di ritrovarsi incarcerati come prigionieri di guerra. L'altra opzione era che i coscritti russi seguissero il suo consiglio e si sollevassero contro il regime di Putin per porre fine a questo sanguinoso conflitto una volta per tutte.

Da quanto ho appreso sul tema della Russia e del suo potenziale uso di armi nucleari, spero e credo che uno scenario così cupo rimanga improbabile. Naturalmente, si tratta solo di un'ipotesi informata, perché nessuno di noi ha una visione approfondita di ciò che accade nella mente di Putin. Tuttavia, deve aver contemplato l'alta probabilità che l'uso di un'arma nucleare possa portare alla fine del suo governo. Ciò non è dovuto all'enorme rischio che le sconsiderate minacce di Putin provochino un conflitto nucleare globale, ma al fatto che un attacco nucleare all'Ucraina potrebbe provocare il crollo del regime russo stesso.

La dottrina nucleare russa consente il ricorso alle armi nucleari solo se lo Stato russo e la sua integrità territoriale sono sotto "minaccia esistenziale". Il grande paradosso è che la più grande minaccia all'integrità della Russia proviene dallo stesso Putin. L'effetto cumulativo delle sue gaffe in Ucraina sta mettendo alla prova la stabilità del suo stesso regime e della stessa Federazione Russa. È riuscito a trasformare la Russia in uno Stato paria. Le sue azioni hanno posto l'intero Stato russo, e la sua gerarchia, sotto severe sanzioni economiche. I "grandi guerrieri macho" della Russia stanno bloccando le strade verso la Finlandia e la Georgia, mentre fuggono dal Paese temendo un lungo e rigido inverno di massacri e spargimenti di sangue in prima linea. Persino i comandanti militari dello stesso Putin chiedono il permesso di ritirarsi. Tutto questo viene percepito come una grande umiliazione in Russia.

Come se non bastasse, alcuni dei più espliciti guerrafondai di Vladimir Putin hanno smorzato la retorica, poiché un numero crescente di disastri ha offuscato in modo indelebile l'immagine orgogliosa della Russia. È passata dall'essere un'importante superpotenza militare globale a un debole messo all'angolo in pochi mesi di guerra, combattendo di fatto all'interno dei suoi ex confini sovietici.

Il reazionario che c'è in me teme un'escalation di questo conflitto e già aborrisce tutti i disgustosi spargimenti di sangue e le uccisioni. Sebbene gli ucraini abbiano messo la Russia alle strette, è difficile immaginare che vogliano allentare la presa nonostante tutti i danni collaterali che il loro Paese ha subito in questa follia. Ma da qualche parte, nel profondo, c'è anche una voce visionaria nella mia testa. Continua a ricordarmi che l'unico risultato positivo non comporta spargimenti di sangue e certamente non comporta armi nucleari. Spero solo che ci sia una voce visionaria simile nelle teste delle fazioni in guerra e, cosa più importante, che ne tengano conto prima che questa guerra diventi ancora più brutta.