Lo studio trova che le alghe marine di Peniche sono efficaci nel trattamento del cancro

in Notizia · 31-10-2020 10:00:00 · 0 Commmenti

L'alga rossa "Sphaerococcus coronopifolius" della costa peniche ha composti con attività antitumorale che possono contribuire allo sviluppo di nuovi farmaci o migliorare l'effetto dei farmaci esistenti contro il cancro, hanno annunciato i ricercatori.

"Siamo stati in grado di capire che due delle sette molecole studiate possono inibire la crescita delle sfere tumorali, così abbiamo studiato ulteriormente questo fino a trovare la possibile scoperta di un potenziale farmaco", ha spiegato Lusa Celso, Alves, ricercatore del MARE- Politécnico de Leiria, che ha guidato la ricerca. I composti di quest'alga possono anche "avere il potenziale per essere utilizzati in combinazione con le terapie attuali, migliorando l'effetto dei farmaci esistenti", ha aggiunto.

Il team di ricercatori, che comprende biologi, biochimici, chimici e farmacisti, ha studiato 27 macroalghe al largo della costa di Peniche, nel distretto di Leiria, fino a quando non sono stati in grado di "isolare i composti responsabili del potenziale antitumorale e capire che tipo di azione inducono", ha detto Celso Alves.

Sphaerococcus coronopifolius" ha dimostrato di essere l'alga marina con il più alto potenziale antitumorale quando è stata testata su linee cellulari umane derivate dal cancro al fegato e dal cancro colorettale. Durante i quattro anni del progetto, i ricercatori sono stati in grado di scoprire composti che possono inibire la crescita delle cellule tumorali, avendo isolato sette molecole, due delle quali erano nuove di origine marina erano sconosciute agli scienziati.

Inoltre, lo studio, a cura di Eurico Serrano, Carlos Rodrigues, Maria Alpoim (Università di Coimbra), Luís Botana (Università di Santiago de Compostela), Susete Pinteus, Helena Gaspar, Joana Silva e Rui Pedrosa (Politécnico de Leiria), è stato pubblicato in aprile sulla rivista scientifica "Biomedicine & Pharmacotherapy" e sarà presentato martedì al Science Meeting 2020.

Lo studio comprendeva una ricerca più ampia, circa 174.000 euro è stato finanziato dalla Fondazione per la Scienza e la Tecnologia ("Red2Discovery") e due milioni di euro dal programma comunitario Compete Community Program ("POINT4PAC"). La prima fase del lavoro è stata completata e dai risultati ottenuti si sono "aperte" nuove opportunità di ricerca per continuare a valutare e comprendere il vero potenziale terapeutico di questi composti in questo settore. Il team si è nuovamente candidato al progetto per nuove fonti di finanziamento, per continuare a studiare, al fine di "convalidare il risultato in modelli più complessi, utilizzando vari tipi di cellule e tessuti tumorali per capire l'effettivo effetto antitumorale".


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.