Conoscono la loro città, forse hanno ragione. È chiaro che l'ultima resistenza infinitamente estendibile del presidente Trump sta rendendo la gente nervosa.

Anche il giudice Matthew Brann, un ex funzionario del Partito Repubblicano, ha perso la calma. Rifiutando la richiesta di Trump di mettere da parte sette milioni di voti della Pennsylvania domenica scorsa, ha definito il caso un mostro di Frankenstein "messo insieme a caso", che presentava solo "argomentazioni legali tese senza merito e accuse speculative... non supportate da prove".

Anche alcuni anziani repubblicani eletti stanno perdendo la pazienza. L'ex governatore del New Jersey Chris Christie ha definito il team legale del presidente un "imbarazzo nazionale". Dichiarano la frode fuori dall'aula, ha sottolineato, "ma quando entrano in aula non dichiarano la frode e non sostengono la frode", perché non ce n'è stata nessuna.

La vista dall'estero è sprezzante, con un sottofondo di panico. Spaventosa, perché in tedesco o in giapponese o anche in russo la democrazia americana sta semplicemente cadendo a pezzi. In preda al panico, perché tutti (anche i russi) vedono segretamente gli Stati Uniti come il fiore all'occhiello della democrazia. Se questo fallisce, che speranza c'è per il resto di noi?

L'ansia è tanto più grande perché altri venditori populisti di olio di serpente, mini-Trumps, sono saliti al potere con mezzi elettorali in altri Paesi di recente: Bolsonaro in Brasile, Johnson in Gran Bretagna, Orbán in Ungheria, Duterte nelle Filippine. Si potrebbe anche includere Modi in India, a parte il fatto che ha maniere molto migliori. È una pandemia politica, e siamo tutti condannati!

Così sono stato chiamato, con spese considerevoli, a calmare la fronte febbrile collettiva. Il mio messaggio è semplice, ma stranamente rassicurante. Gli Stati Uniti sono nei guai, ma la democrazia no.

Gli Stati Uniti sono la democrazia più antica, ma è piuttosto primitiva. Si consideri l'antico e ridicolo Collegio Elettorale, o il rudimentale sistema di welfare sociale, o il fatto che ha i distretti elettorali più gerrymandato del pianeta, o che non c'è letteralmente un limite a quanto denaro i politici americani possono spendere per farsi eleggere o da chi possono prenderselo.

Ma se qualcuno venisse a dirvi che il Brasile, l'Ungheria e le Filippine hanno populisti ultra nazionalisti al potere, andreste nel panico? Non credo.

Aggiungere l'India ti farebbe un po' paura, forse, ma il regime cinese è una dittatura senza vergogna e non lo consideriamo un pericolo per la democrazia.

La Gran Bretagna nelle mani di populisti sconsiderati sarebbe più preoccupante se fosse un precedente di qualche tipo, ma il Regno Unito non è più un paese serio da un bel po' di tempo. Brexit, ricordi?

Quando arriviamo al punto, è solo il destino della democrazia negli Stati Uniti che ti preoccupa, non è vero? Beh, smettila di preoccuparti, perché gli Stati Uniti non sono né il custode né il garante della democrazia.

C'è stato un tempo, in cui il mondo sembrava a rischio di essere invaso da fascisti o comunisti, che la forza militare e industriale degli Stati Uniti era molto importante, ma il vero problema in quegli scontri incentrati sull'Europa era "l'equilibrio del potere", non la filosofia politica.

In Africa, in Asia, in Medio Oriente e in America Latina, gli Stati Uniti hanno contribuito a schiacciare la democrazia con la stessa frequenza con cui l'hanno salvata. Gli Stati Uniti non sono il male, ma è solo un'altra grande potenza - e quando si tratta di salvaguardare la democrazia, siamo tutti da soli.

Non è un motivo di sconforto, perché la democrazia non è un fiore fragile. È il sistema politico di default del mondo moderno, che si è diffuso senza sosta dalle prime rivoluzioni democratiche più di due secoli fa.

Ha spazzato via tutte le altre ideologie politiche quasi ovunque, tranne che in alcune parti dell'Asia orientale e del Medio Oriente. Anche la maggior parte dei dittatori si sentono obbligati a tenere elezioni fasulle ogni pochi anni per dimostrare la loro "legittimità". Ha un richiamo universale perché concilia al meglio i valori umani fondamentali della libertà e dell'uguaglianza. Sopravviverà - e non cancella ancora la democrazia americana.

Donald Trump è stato sconfitto, anche se continua a negarlo. Ha fatto molti danni agli Stati Uniti e probabilmente ne farà ancora di più, perché l'attuale farsa è destinata a fargli fare la figura del "re sull'acqua", il legittimo monarca erroneamente esiliato (se non altro a Mar-a-Lago). Ma non è immortale, e il Paese lo è di fatto.

La polarizzazione del tipo che l'America sta vivendo ora è dirompente e tenace, ma tende a essere intergenerazionale (questo episodio lo è certamente), e il ricambio generazionale di solito lo cancella in dieci o venti anni. Gli anni Sessanta sono passati, e con ogni probabilità passeranno anche questi.