Società mineraria per riprendere il progetto dello zinco

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 28-12-2020 10:00:00 · 0 Commmenti

La società Somincor, che ha la concessione delle miniere di Neves-Corvo a Castro Verde (Beja), riprenderà il progetto di espansione dell'esplorazione dello zinco (ZEP), del valore di 360 milioni di euro, nel gennaio 2021.

La decisione è stata annunciata dalla multinazionale Lundin Mining, proprietaria della Somincor, nel rapporto operativo con le previsioni di produzione per il prossimo anno e, nel frattempo, confermata all'agenzia di lusa dall'amministratore delegato della società mineraria. "Se tutto andrà secondo i piani, il progetto [ZEP] riprenderà a gennaio del prossimo anno", ha detto Kenneth Norris.

Secondo il direttore canadese, i piani di Somincor per la ripresa della ZEP sono di "mobilitare un numero minore di appaltatori con un calendario esteso per andare avanti con il progetto". Questa pianificazione è dovuta alle "attuali esigenze di sicurezza per l'allontanamento sociale e altre misure preventive per salvaguardare e proteggere la forza lavoro e le comunità locali dalla diffusione del covid-19", ha spiegato. Kenneth Norris ha aggiunto che Somincor prevede che lo ZEP "sarà completato entro la fine del 2021, con un aumento della produzione di zinco entro il 2022".

Per il prossimo anno, Somincor stima una produzione totale di concentrato di zinco tra le 70.000 e le 75.000 tonnellate, una cifra che aumenterà sostanzialmente negli anni successivi, con l'entrata in produzione dello ZEP.

Secondo le stime pubblicate dalla Lundin Mining nel suo rapporto operativo per il 2021, la produzione di zinco a Neves-Corvo dovrebbe aumentare del 66% nel 2022, fino a raggiungere un volume di 115.000-125.000 tonnellate. Entro il 2023, la produzione di zinco dovrebbe essere di circa 145.000-155.000 tonnellate. La produzione di rame, invece, dovrebbe diminuire nei prossimi due anni nel complesso minerario dell'Alentejo, con 35.000-40.000 tonnellate previste nel 2021 e 30.000-35.000 tonnellate l'anno successivo. Per il 2023 è prevista una produzione di rame di circa 33.000-38.000 tonnellate. Kenneth Norris ha giustificato questa diminuzione della produzione di rame nella miniera di Baixo Alentejo con "gli effetti della pandemia", che "durerà per un altro anno o due". D'altra parte, ha aggiunto, la revisione aggiornata delle previsioni di produzione di rame "non può essere dissociata dall'aumento di produzione" che Somincor avrà "per quanto riguarda l'estrazione dello zinco a partire dal 2022".

"Dobbiamo guardare a questo problema in modo integrato, con una stabilizzazione della produzione di rame e un significativo aumento della produzione di zinco dovuto al completamento della ZEP il prossimo anno", ha osservato.

Sperando che, nel prossimo anno, l'azienda possa "tornare a una certa normalità", Kenneth Norris ha anche annunciato che Somincor "aumenterà" presto il numero di dipendenti diretti.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.