Nuovi dettagli sulla chiusura

scritto TPN/Lusa, in Notizia · 15-02-2021 12:26:00 · 0 Commmenti

Il governo ha approvato l'insieme di misure che regolano l'ultimo stato di emergenza, tra il 15 febbraio e il 1 marzo, tra cui la continuazione del blocco e l'apprendimento a distanza, e ora permettendo con limitazioni, la vendita di libri

Ecco le principali misure per il continuo stato di emergenza:

Limitazioni di viaggio e controllo delle frontiere

I viaggi all'estero dalla terraferma con qualsiasi tipo di trasporto sono limitati, e con controlli a tutte le frontiere terrestri.

Secondo il Ministero dell'Amministrazione Interna, dalle 00:00 del 15 febbraio, la circolazione tra Portogallo e Spagna rimane limitata a specifici punti di passaggio autorizzati per il trasporto di merci, lavoratori transfrontalieri con adeguata documentazione e di emergenza. veicoli

I due paesi hanno concordato di aggiungere due punti di passaggio autorizzato (PPA) alla lista già in vigore, situati a Melgaço e Montalegre, e alcuni PPA hanno anche subito adeguamenti di orario per servire gli interessi di coloro che li utilizzano.

Sette dei punti di attraversamento autorizzati funzionano 24 ore al giorno per tutta la settimana: Valença, Vila Verde da Raia, Quintanilha, Vilar Formoso, Caia, Vila Verde de Ficalho e Castro Marim.

Il PPA di Marvão è aperto nei giorni lavorativi dalle 6:00 alle 20:00, e i punti autorizzati di Monção, Melgaço e Montalegre sono aperti nei giorni lavorativi dalle 6:00 alle 9:00 e dalle 17:00 alle 20:00.

Dal 31 gennaio, è prevista anche la possibilità di sospendere i voli e il blocco dei passeggeri all'arrivo, quando la situazione epidemiologica lo giustifica.

Isolamento e formazione a distanza

In questo periodo di stato di emergenza, l'obbligo di rimanere a casa rimane, e il primo ministro, António Costa, ha detto che la misura dovrebbe continuare per tutto il mese di marzo.

Una delle misure principali è la continuazione dell'apprendimento a distanza per tutti i livelli di istruzione, senza un ritorno all'istruzione faccia a faccia previsto prima delle vacanze di Pasqua all'inizio di aprile.

Per l'istruzione secondaria, è stato creato un canale televisivo speciale, sul cavo e sul digitale terrestre, con contenuti del programma "Studia a casa", fino alla fine dell'anno scolastico.

Consentita la vendita di libri e materiale scolastico

Gli stabilimenti che rimangono aperti, come supermercati e ipermercati, potranno vendere libri e materiale scolastico, ma dovranno mantenere il divieto di vendere altri beni non essenziali.

Questo è stato uno dei cambiamenti imposti dal decreto del presidente, Marcelo Rebelo de Sousa, che ha detto che il primo ministro, António Costa, "ha vietato di vietare" la vendita di libri e materiale scolastico in questi stabilimenti.

Le librerie indipendenti hanno chiesto l'autorizzazione a riaprire, appellandosi al governo per fermare "l'abuso di posizione dominante" da parte di editori e commercianti più grandi.

Limiti legali al rumore

La proposta avanzata dal presidente della Repubblica ha finito per non essere accettata nelle misure di stato di emergenza.

Il decreto presidenziale per il rinnovo dello stato di emergenza fino al 1° marzo, aveva permesso di limitare il rumore in certi orari e negli edifici residenziali, per non disturbare coloro che lavorano a distanza.

Il Consiglio dei ministri ha finito per non approvare nulla in materia.

Limitazioni dei servizi di telecomunicazione

Gli operatori di telecomunicazioni possono, dal 15 febbraio, limitare o bloccare l'accesso ai servizi non essenziali su internet a banda larga, come i videogiochi e le piattaforme di media digitali, se necessario, per proteggere i servizi critici dello Stato.

Le piattaforme digitali, come Netflix e Youtube, così come i servizi di videogiochi, possono essere bloccati per garantire la continuità dei servizi di comunicazione elettronica agli ospedali o alle forze di sicurezza, una misura già consentita nei precedenti decreti sullo stato di emergenza

Tutte le restrizioni in vigore sono mantenute

Tutte le altre restrizioni imposte nel Portogallo continentale negli ultimi 15 giorni rimangono in vigore, il che copre le limitazioni al funzionamento del commercio non essenziale e del settore alimentare, così come il divieto di movimento tra i comuni durante il fine settimana e l'obbligo generale di rimanere a casa.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.