Quando un test positivo non è effettivamente positivo, la vita delle persone può essere sconvolta, soprattutto se hanno appuntamenti importanti nei giorni successivi. La maggior parte dei residenti che si trovano in una situazione simile criticano gli enti sanitari per non aver fornito una risposta adeguata. Infatti, molte persone che hanno avuto risultati falsi positivi con i test rapidi dell'antigene Covid-19 che si sono rivelati negativi hanno passato molto tempo ad aspettare di essere "scagionati" anche se non erano infetti.

Falso positivo

Questo è stato il caso di Vanessa, stava bene, senza alcun sintomo, quando sua nonna - che aveva intenzione di viaggiare - è andata in una clinica per essere testata. Lei è rimasta scioccata quando il risultato è stato positivo, dato che non ha avuto contatti rischiosi e si sentiva bene.

La clinica ha somministrato un altro test per assicurarsi che fosse infetta e il risultato positivo è stato mantenuto. Secondo Vanessa, è stato il primo errore che hanno fatto, perché "l'infermiera non ha svolto bene il suo lavoro - dopo il primo test positivo di mia nonna, avrebbe dovuto fare un test PCR, ma ha fatto un altro test antigenico".

Dopo questi due test positivi, tutta la famiglia (Vanessa, sua nonna e suo nonno) è stata automaticamente messa in quarantena. Due giorni dopo, hanno fatto un test PCR, che era negativo per tutti e tre. Tuttavia, hanno confermato ciò che sospettavano: entrambi i test dell'antigene avevano risultati falsi.

Nonostante la buona notizia, sono rimasti isolati perché non hanno avuto alcuna risposta da SNS 24. "Dato che non ci hanno chiamato di nuovo, ho telefonato a SNS 24 e ci hanno detto che i nostri test non erano falsi positivi e che anche se la PCR era negativa, avevamo ancora una quarantena di 14 giorni da affrontare. Poi, dopo un po', ha chiamato un medico con un parere diverso. Poi ha chiamato un altro medico dicendo che era lui il responsabile e che era un falso positivo. Inoltre, ci ha tolto dal sistema".

Tuttavia, questa situazione ha avuto effetti spiacevoli sulla vita di Vanessa. A causa del tempo in cui è rimasta bloccata a casa, ha perso un colloquio di lavoro a causa del tempo trascorso ad aspettare la dichiarazione del medico per tornare alla sua vita normale. "Soprattutto, i maggiori ostacoli che ho sentito sono stati da parte di SNS24 perché non sapevano come gestire la situazione e non avevano abbastanza informazioni da fornire".

Voli persi

Ma Vanessa non è l'unica. La settimana scorsa, un cittadino americano che stava cercando di tornare negli Stati Uniti è stato fermato quando è risultato positivo al test in una farmacia di Olhão. Suo padre è residente in Algarve e ha parlato con The Portugal News, lamentando la mancanza di risposta delle autorità sanitarie in Portogallo.

"Ha fatto un test per il Covid-19 perché aveva intenzione di volare - non aveva sintomi di Covid-19 e nessun contatto con persone infette. Il test è stato somministrato e poche ore dopo la farmacia ci ha inviato una e-mail con un risultato negativo, ma 10 minuti dopo ha ricevuto un'altra e-mail con un risultato positivo", il che gli ha fatto pensare che qualcosa deve essere sbagliato.

Poi ci ha detto che ha mandato un'email alla farmacia dicendo che non capiva cosa stesse succedendo, al che hanno risposto dicendo che avevano fatto un errore, ma assicurando che il risultato era positivo. The Portugal News ha contattato il personale della farmacia, che ha detto che il risultato del test era positivo. Tuttavia, poiché la maggior parte dei test è risultata negativa, una "memoria muscolare" ha portato la squadra a fare un piccolo errore, che hanno corretto pochi minuti dopo con delle scuse.

Tuttavia, dopo questo, hanno comprato diversi autotest, ma erano tutti negativi: "Era un evidente falso positivo. Ho chiamato la farmacia per sapere cosa fare dopo e ho chiamato il numero 24 della SNS e mi hanno detto che dovevamo andare il giorno dopo al centro sanitario di Olhão, cosa che abbiamo fatto, ma era completamente pieno e siamo dovuti tornare il giorno dopo. Così siamo tornati la domenica (nel frattempo ha perso il volo) e siamo stati visti da un medico che non sapeva perché eravamo lì, anche se mio figlio era stato mandato dal SNS 24".

Tutto sommato, ha fatto un test PCR e il risultato è stato (come si aspettavano) negativo. Tuttavia, più di sette giorni dopo questo giovane non ha ancora la sua "declaração de alta", che è il documento che dice che non ha il Covid-19 e non ha bisogno di essere isolato. In quel momento, non hanno potuto parlare con i medici che devono dare la dichiarazione di cui ha bisogno: "Il sistema è un incubo", hanno detto.

SNS 24 batte i record

In effetti, il 12 gennaio, il ministro della Salute, Marta Temido, ha ammesso che la linea SNS24 sta avendo problemi nel fornire una risposta soddisfacente. Tuttavia, dall'inizio dell'anno, SNS24 ha già ricevuto più di 850.000 chiamate, il che, secondo lei, "dimostra che sta aiutando molte persone".

The Portugal News ha cercato di contattare la Direzione Generale della Salute, ma al momento di andare in stampa non abbiamo avuto risposta.