Questo è il primo ministro britannico Boris Johnson, che è scivolato senza sforzo attraverso infiniti guai e scandali che avrebbero finito una canaglia minore. Non per niente i suoi ex colleghi del "Daily Telegraph" lo conoscevano come il "maialino albino ingrassato". Ma essere abbattuto da partiti del tutto innocui! Umiliante.

Questa settimana potrebbe essere quando 'Boris' (sempre conosciuto con il suo nome di battesimo) avrà finalmente la sua punizione. Non solo è in attesa di un giudizio da parte dell'alto funzionario Sue Gray per più di una dozzina di feste per il personale (con bevande) nella sua residenza ufficiale, No. 10 Downing St. Ora anche la polizia sta indagando sul suo comportamento.

Sembra così meschino, quando se l'è cavata con molto di più. Come corrispondente del Telegraph presso la sede dell'Unione Europea a Bruxelles, ha alimentato il dilagante nazionalismo inglese con storie indignate (ma false) di regolamenti UE che, per esempio, richiedevano che le banane vendute nel Regno Unito fossero dritte, non "piegate".

Dopo essersi fatto un nome, è stato sindaco di Londra per un po' (anche se un conservatore in una città che generalmente vota laburista). È diventato una figura nazionale grazie alla vittoria della campagna Brexit per lasciare l'UE per un pelo (52%-48%).

Ha ottenuto il primo ministro minando il suo predecessore, Theresa May (anche lei conservatrice), che ha accusato di aver cercato di fare un accordo di uscita a cuor leggero con l'UE. Poi ha fatto lui stesso un accordo molto simile, lo ha proclamato un trionfo, ha vinto le elezioni del 2020 - e nel giro di un anno ha minacciato di rompere il trattato che lui stesso aveva firmato.

Quasi ogni giorno Johnson racconta bugie a volto scoperto con grande fascino e apparente sincerità. È notoriamente pigro, fa un lavoro effettivo solo all'ultimo momento possibile. Ha almeno sette figli da tre madri diverse (due delle quali ha sposato). Ci sono state molte relazioni e potrebbero esserci più figli, perché non dichiarerà mai esattamente quanti ne ha.

E grazie alla sua guida esitante, il Regno Unito ha avuto uno dei più alti tassi di mortalità per coronavirus in Europa. Per tutto questo, ha ricevuto l'adulazione incondizionata di circa metà della popolazione inglese. (Molto meno in Scozia e nel Galles.) Eppure ora viene fatto fuori da alcune feste di vino e formaggio. Non sembra giusto.

Dopo tutte le cose che Johnson ha fatto, perché questo piccolo affronto all'opinione pubblica dovrebbe farlo cadere? Penso che la mia vicina Linda di Camden Town, il quartiere interno di Londra in cui viviamo, potrebbe spiegare il perché. Sua madre Eileen, che faceva da babysitter alla nostra figlia minore, è morta nei primi giorni della pandemia.

Nel 2020 Eileen viveva in una casa di cura. Era una delle tante vittime di una decisione del governo di dimettere i pazienti degli ospedali nelle case di cura senza testarli per il Covid per fare più spazio per i nuovi casi di pandemia negli ospedali. La politica ha portato il virus nelle case di cura e ha ucciso decine di migliaia di persone.

Linda ha dovuto dire addio a sua madre con un I-Phone, e non c'è stato un vero funerale. Il carro funebre è arrivato nella nostra strada e i vicini sono usciti dalle loro case, mascherati e socialmente distanti, per dire addio a Eileen. Due cantanti e un violinista hanno suonato le sue canzoni irlandesi preferite per salutarla.

Nessuno si è abbracciato, nessuno è tornato all'appartamento di Linda dopo. Era tutto quello che si poteva fare in quel periodo terribile. E la gente non era particolarmente arrabbiata con Johnson all'epoca: si dimenava inutilmente, ma nessun altro ci stava riuscendo.

La rabbia è arrivata ora, quando c'è un flusso continuo di storie su feste del personale al Numero 10 su base semi-settimanale per i compleanni, per le persone che se ne stavano andando, per Natale. Avevano persino un frigo per il vino e una valigia appositamente allestita in modo che le bottiglie non tintinnassero quando le portavano davanti alla polizia che sorveglia la casa del primo ministro.

Così Johnson è ora abbrustolito. La fine potrebbe arrivare quando il rapporto di Sue Gray sarà pubblicato questa settimana. Potrebbe arrivare dopo la fine dell'inchiesta della polizia (anche se i reati comportano solo multe, non sanzioni penali). Potrebbe arrivare a maggio, quando i conservatori si stanno dirigendo verso una batosta nelle elezioni locali in tutto il paese.

A meno che Johnson non si dimetta prima, questo avverrà per mano del suo stesso partito conservatore, che ha una tecnica ben collaudata per rimuovere i leader di partito falliti e non è obbligato a tenere un'elezione dopo averne scelto uno nuovo. (I membri conservatori del parlamento sono preoccupati per i loro seggi, e non vogliono affrontare ora una nuova elezione).

Ma in un modo o nell'altro, lascerà il No. 10.