È una gradita distrazione dagli avvertimenti quotidiani di un'imminente invasione russa dell'Ucraina, ed è ancora meno probabile che finisca in una guerra vera e propria. La Corea del Nord ha testato sette diversi missili in un mese, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha risposto con più sanzioni contro lo stato eremita di Kim Jong-un, e tutti hanno tirato fuori i loro cavalli da guerra per un vivace trotto intorno alla pista.

La realtà, tuttavia, è che nessuno in una posizione di autorità è minimamente eccitato da questo piccolo botta e risposta tra Pyongyang e Washington.

I media speculano sul fatto che i test della Corea del Nord abbiano lo scopo di influenzare le prossime elezioni sudcoreane o di attirare Biden in un summit stile Trump, ma il motivo più probabile è proprio quello che ha detto il Prof. Kim: il desiderio di dimostrare l'efficienza dei missili della Corea del Nord. Quelli che trasportano le armi nucleari della Corea del Nord.

Pyongyang non ha testato alcuna arma nucleare dal 2017, ma si ritiene che abbia ormai 50-60 testate. Né ha testato i suoi missili balistici intercontinentali (quelli che possono raggiungere qualsiasi punto degli Stati Uniti) da allora. I test di gennaio hanno riguardato missili "ipersonici", missili "a raggio intermedio", missili da crociera e hardware simili.

La maggior parte di questi missili può probabilmente trasportare anche testate nucleari, ma solo fino alla Corea del Sud o al Giappone, gli alleati locali dell'America. È un investimento formidabile per un paese piccolo e abbastanza povero (la stessa popolazione dell'Australia, ma un sessantesimo delle dimensioni) - ma non è così stravagante se si considera che tutte queste testate sono destinate a scoraggiare gli Stati Uniti.

Nessun diplomatico o ufficiale militare americano ammetterà pubblicamente che la paura della Corea del Nord di un attacco nucleare americano è giustificata, ma i più intelligenti si rendono conto che le regole della deterrenza nucleare sono esattamente le stesse per le superpotenze democratiche e le tirannie nane. Se il tuo nemico ha armi nucleari, allora per essere al sicuro devi averle anche tu.

Sia Saddam Hussein che Muammar Gheddafi hanno imparato questa lezione nel modo più duro, e Kim Jong-un non ha intenzione di seguire le loro orme. La Repubblica Democratica Popolare di Corea, come è formalmente conosciuto il suo feudo, ha un confronto militare con la Corea del Sud che non andrà mai via, poiché entrambi fanno parte della stessa nazione divisa.

L'esercito della Corea del Nord è due volte più grande di quello della Corea del Sud, anche se quest'ultima ha il doppio della popolazione e dieci volte la ricchezza. La Corea del Sud mantiene il suo esercito piccolo perché alla fine può contare sul suo alleato americano per proteggerlo - e quell'alleato americano ha armi nucleari e una comprovata volontà di usarle.

Dal punto di vista di Pyongyang, le armi nucleari americane sono una minaccia mortale, e nessuno può convincere il regime nordcoreano che non verrebbero mai usate contro di lui, a meno che non attacchi per primo. Gli americani non rinuncerebbero alle armi nucleari se la Cina e la Russia facessero tali promesse, né prenderebbero per buona la parola dell'America. La posta in gioco è troppo alta per rischiare.

Questo è il dilemma universale delle armi nucleari. La Corea del Nord ha tanto diritto di preoccuparsi quanto gli Stati Uniti, e non rinuncerà mai alle proprie armi nucleari finché persisterà l'attuale confronto nella penisola coreana. (71 anni e passa).

Qualsiasi incontro o 'summit' tra diplomatici o leader statunitensi e nordcoreani sarà guidato dal perpetuo desiderio della Corea del Nord di porre fine alle sanzioni commerciali delle Nazioni Unite e degli Stati Uniti e/o dalla futile ricerca dell'America di convincere Kim ad accettare il disarmo nucleare unilaterale. Nessuna delle due cose accadrà, ma non c'è nemmeno una crisi.

Il regime nordcoreano è vizioso, ma non è pazzo. Una pace fredda ragionevolmente stabile ha prevalso nella penisola dalla fine della guerra di Corea nel 1953, garantita dal primo test nucleare nordcoreano nel 2006 dalla reciproca deterrenza nucleare tra Stati Uniti e Corea del Nord. Non c'è alcun bisogno urgente di 'aggiustare' o 'puntellare' ora.

Gli Stati Uniti non riescono a riconoscere pubblicamente questo fatto, ma il Pentagono e il Dipartimento di Stato accettano privatamente che ormai è la realtà consolidata da tempo della relazione tra USA e Corea del Nord.

"Comprendono molto bene l'importanza di salire di gamma", ha detto domenica un alto funzionario dell'amministrazione Biden, riconoscendo implicitamente che i nordcoreani non hanno testato nessun nuovo missile in grado di colpire la patria americana. C'è davvero una comprensione reciproca. Solo che non possono parlarne.