Alla fine della giornata, la performance è ciò che ci ossessiona. Come ci comportiamo nel nostro lavoro, nella nostra famiglia, nel nostro gruppo di amici o nelle nostre relazioni. Inoltre, molte persone cercano il supporto del coaching per imparare come agire nella loro vita al fine di aumentare le loro prestazioni.

Tuttavia, nella nostra vita di tutti i giorni c'è un punto che spesso manca alle persone, che si chiama emozioni. Infatti, siamo guidati dalle emozioni che abbiamo, ma spesso le sottovalutiamo. Se siamo felici, avremo determinate azioni derivanti da quello spirito, d'altra parte, se siamo ansiosi o arrabbiati, ne seguiranno altre.

"Molti allenatori si concentrano sui comportamenti; ti dicono cosa devi fare per avere successo. Per esempio, quando vai da un allenatore di golf, ti dà consigli tecnici sul tuo swing, su come stai. Non c'è niente di sbagliato in questo", ma questa è solo la punta dell'iceberg, ha detto Jeremy Moore, che ha condotto workshop di leadership e sessioni di coaching nel Regno Unito.

Cosa dice la scienza?

Prima di arrivare in Portogallo per ritirarsi, Jeremy è stato amministratore delegato di Zoomcow per molti anni, dove ha coltivato la leadership, misurando le prestazioni, il lavoro di squadra e il modo in cui gli esseri umani si comportano al meglio. "La storia di Zoomcow ha le sue radici nella nostra conoscenza delle neuroscienze e di ciò che realmente guida il nostro subconscio e i comportamenti che emergono".

Per illustrare l'importanza delle emozioni nel nostro processo decisionale, Jeremy ha spiegato che: "la neuroscienza ci dice che ogni decisione che prendiamo è un sentimento giustificato dalla logica".

"La prova di questo fenomeno è il famoso caso psicologico di Phineas Gage, un lavoratore delle ferrovie che il 13 settembre 1848 fu coinvolto in un incidente. Un'esplosione gli conficcò una barra di metallo nel cranio e nel cervello, recidendo il collegamento tra la corteccia frontale e l'amigdala, il centro di elaborazione delle emozioni del cervello".

Alla fine è sopravvissuto, ma la sua personalità era completamente cambiata. Anche se era ancora in grado di superare i test di logica, non era in grado di elaborare le emozioni e creare sentimenti e, di conseguenza, non era in grado di prendere decisioni.

"Siamo animali emotivi, abbiamo sentimenti, anche se le nostre emozioni sembrano irrazionali a volte, è questo mondo sotterraneo subconscio che guida la maggior parte del nostro comportamento. Noi vi diciamo che i sentimenti vinceranno il pensiero in quasi tutte le occasioni. Chiunque si sia innamorato capirà sicuramente quello che stiamo dicendo", ha detto Jeremy.

Emozioni negli affari

"La gente dovrebbe preoccuparsi più di ciò che gli altri sentono che di ciò che gli altri pensano" - questo vale anche per il marketing aziendale. Jeremy Moore, che è stato un executive coach per 20 anni, ha spiegato perché.

Come abbiamo visto, le emozioni portano alle azioni. Tutto ciò che facciamo è guidato da uno stato emotivo, compresi i comportamenti dei consumatori, anche se non ce ne rendiamo conto. In questo senso, le marche possono avere più successo se creano un'emozione positiva nei loro clienti, perché "non importa davvero quale sia la marca del tuo telefono, sono abbastanza uguali. Ciò che conta è come ti senti nei confronti del prodotto", ha detto.

Inoltre, "il campo di battaglia non riguarda la produzione del miglior telefono, ma la produzione delle migliori emozioni sul telefono. I leader dovrebbero davvero preoccuparsi dell'esperienza che creano", ha aggiunto.

Famiglia e relazioni

Uscire dal proprio ego per ascoltare le emozioni degli altri, specialmente quando si tratta del proprio partner o dei parenti, non è sempre facile. Quando qualcuno ti dice che hai fatto qualcosa di molto sbagliato che li ha fatti arrabbiare molto, la maggior parte delle persone si mette sulla difensiva. Tuttavia, questo può essere straziante per l'altra persona, poiché spesso l'unica cosa che vuole è essere ascoltata e riparare il danno.

Nonostante, "come ci sentiamo è più importante di come pensiamo e che nella maggior parte dei casi il sentimento batterà il pensiero", molte persone trovano molto difficile concentrare la loro attenzione sulle emozioni delle persone piuttosto che sui pensieri.

"La gente non chiede mai come ti senti. Di solito ti chiedono cosa pensi del tuo lavoro, cosa mangerai a pranzo, cosa pensi dei tuoi colleghi. Tuttavia, non ti chiedono cosa provi", ha detto.

Leader aziendali e produttività

La maggior parte di noi desidera un ambiente di lavoro positivo, e i leader non fanno eccezione alla regola. Tuttavia, in un esperimento con un gruppo di leader di diverse aziende - chiedendo loro di descrivere quali sono le caratteristiche principali di un'organizzazione eccellente per cui lavorare - Jeremy ha trovato un fatto interessante: "vogliamo ciò che non consegniamo".

Quando è stato chiesto quali sono le caratteristiche principali di un'organizzazione per cui lavorare, hanno elencato tratti aspirazionali, come "equilibrio della vita lavorativa, fiducia, spirito di squadra, sicurezza, sfida, uguaglianza, sostegno ecc. Ma quando si chiedono le caratteristiche principali delle organizzazioni che gestiscono e dirigono, le risposte sono prevalentemente negative - bullismo, aggressività passiva, disuguaglianza di genere, insicurezza, nessun equilibrio tra lavoro e vita privata", mi ha detto Jeremy.

Dal suo punto di vista, i leader devono uscire "dalla loro testa e sintonizzarsi su come le persone si sentono, le loro emozioni, perché questa è l'estremità del telescopio che sarà il campione del cambiamento, che migliorerà la produttività, guiderà le prestazioni future, abbraccerà la diversità e affronterà il benessere mentale", ha detto.

Tutto sommato, "ogni decisione che prendiamo è una sensazione, che giustifichiamo con la logica", ha concluso.