Il problema è che da quando l'ex presidente Donald Trump ha cestinato unilateralmente l'accordo nel 2018, imponendo sanzioni statunitensi di "massima pressione" contro l'Iran nella speranza di ottenere ulteriori concessioni, gli iraniani hanno gradualmente scartato i controlli che avevano accettato nell'accordo originale.

I tre Paesi europei garanti dell'accordo, Gran Bretagna, Francia e Germania, hanno appoggiato il capo dell'AIEA, avvertendo che "più l'Iran avanza e accumula conoscenze con conseguenze irreversibili, più è difficile tornare all'accordo".

In altre parole, una volta che gli iraniani avranno appreso tutto ciò che serve per arricchire l'uranio a livello di armi, non potranno promettere di dimenticarlo di nuovo. Avranno quella conoscenza per sempre, il che in un certo senso vanifica l'intero scopo del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), il ridicolo nome ufficiale dell'accordo del 2015.

In realtà, c'è di peggio. Il 9 luglio Teheran ha annunciato di aver installato nuove centrifughe che permetteranno all'Iran di arricchire l'uranio fino al 90% di purezza, sufficiente per le testate nucleari.

Si tratta di centrifughe regolabili che possono facilmente passare da un livello di arricchimento all'altro, e l'Iran afferma che attualmente sono impostate solo per una purezza del 20%. Ma il JCPOA ha fissato l'arricchimento massimo consentito al 3,67%, quindi l'Iran è già ben oltre il limite.

Come se non bastasse, l'arricchimento diventa più facile con l'aumentare dei livelli di purezza: passare dal minerale di uranio al 3,67% richiede molto tempo ed energia. Per passare dal minerale al 20% ci vuole molto meno, e per passare dal 20% al 90% ancora meno. Gli iraniani possono superare l'ultimo ostacolo quando vogliono.

Inoltre, il resto del mondo dovrà solo credere alla loro parola che non sono arrivati al 90%, perché 27 delle telecamere speciali che l'AIEA ha installato per verificare che l'Iran non stia superando il livello di arricchimento concordato sono state spente a giugno. Le altre 40 possono essere spente quando Teheran vuole.

E cosa farà il resto del mondo al riguardo? Non molto. In effetti, a posteriori sembra che né Washington né Teheran si aspettassero davvero di resuscitare l'accordo del 2015: era passato troppo tempo e si stavano limitando a fare le cose per bene.

Quando Joe Biden è entrato alla Casa Bianca nel gennaio 2021, le sue precedenti dichiarazioni sul JCPOA lo hanno obbligato a cercare di riparare ai danni fatti da Donald Trump. Tuttavia, si è impegnato di più a placare i falchi anti-iraniani del Congresso che non a dialogare con il regime del presidente iraniano riformista Hassan Rouhani (l'uomo che aveva originariamente firmato l'accordo).

Biden avrebbe saputo che a Rouhani restavano solo sei mesi di presidenza e che probabilmente sarebbe stato seguito dal duro Ebrahim Raisi. (Rouhani non poteva ricandidarsi e gli uomini della Guida suprema stavano squalificando i candidati rivali). Eppure Biden ha a malapena mosso un dito per riavviare negoziati seri.

Poi, dopo che Raisi ha sostituito Hourani all'inizio di agosto dello scorso anno, gli Stati Uniti e l'Iran hanno concordato un time-out di cinque mesi, presumibilmente per dare alla nuova amministrazione di Raisi il tempo di aggiornarsi sulla questione. Perché Biden ha acconsentito? Perché sapeva che era già una causa persa.

Il 2021 è stato l'anno in cui i livelli di arricchimento dell'Iran sono saliti a livelli ben superiori ai limiti del JCPOA. Quando i negoziati sono finalmente ripresi lo scorso dicembre, tutti sapevano che lo scopo originario dell'accordo era stato superato dagli eventi. L'Iran è diventato una potenza "a soglia nucleare", in grado di costruire bombe vere e proprie entro sei mesi dalla parola "via" in qualsiasi momento del futuro.

Questa è la realtà, ed è il motivo per cui i colloqui successivi sono stati alquanto carenti. È chiaro che l'Iran non ha fretta di costruire armi nucleari vere e proprie, e nessuno guadagna abbandonando completamente i colloqui, che però non andranno da nessuna parte e tutti lo sanno.

È una delusione, ma non un disastro. Le possibili armi nucleari iraniane in futuro sono meno minacciose delle vere armi nucleari nordcoreane nel presente, e l'Estremo Oriente ha imparato a conviverci. Il Medio Oriente è un quartiere più difficile, e ci sono stati pochi segni di panico durante il recente tour del Presidente Bidens nella regione.

Non ha nemmeno dovuto promettere che le armi nucleari americane sarebbero state disponibili per dissuadere un Iran potenzialmente dotato di armi nucleari. Le diverse centinaia di armi nucleari non ammesse di Israele sono sufficienti a questo scopo.