Una consultazione pubblica sul tracciato ferroviario della linea ad alta velocità Porto -- Aveiro, consultata da Lusa, si è conclusa con 822 partecipazioni e ha generato critiche da parte dei comuni attraversati dal tracciato, soprattutto nel distretto di Aveiro.

Secondo il portale participant.pt, la consultazione pubblica sullo Studio di Impatto Ambientale (VIA) della tratta Porto - Aveiro, conclusasi venerdì e aperta dal 5 maggio, ha generato 822 partecipazioni.

La tratta Porto-Aveiro della futura linea ferroviaria ad alta velocità che dovrebbe collegare Vigo a Lisbona costerà 1,65 miliardi di euro, con l'aiuto di fondi europei.

Il tratto Porto-Aveiro si trova nel lotto A del collegamento Porto-Soure, che corrisponde alla prima fase della linea Porto-Lisbona, il cui avvio è previsto per il 2028, e "sarà costruito su un doppio binario elettrificato, con una velocità massima di progetto di 300 km/h, per il traffico di soli passeggeri".

Il progetto prevede anche un collegamento alla linea Nord in diverse soluzioni alternative, consentendo l'arrivo di servizi ad alta velocità all'attuale stazione di Aveiro, avendo studiato "tre possibili alternative" di collegamento nella zona di Canelas, nel comune di Estarreja (distretto di Aveiro).

"Alternativa zero"

Il 7 giugno, l'Assemblea municipale di Estarreja ha discusso il tracciato, con il sindaco, Diamantino Sabina, che ha anticipato che avrebbe proposto l'"alternativa zero", chiedendo di abbandonare il progetto, sostenendo che il comune è già attraversato dalla Linha do Norte e da due autostrade, l'A1 e l'A29, oltre che da un gasdotto, e sarà ancora più "diviso" con la linea e il suo collegamento alla Linea Nord, che "separerà" l'Unione delle parrocchie di Canelas e Fermelã, a Canelas.

I sette partiti rappresentati nell'Assemblea municipale di Santa Maria da Feira hanno approvato, il 14 giugno, il tracciato della linea ad alta velocità che non prevede demolizioni in quel comune del distretto di Aveiro, ma per il sindaco, Emídio Sousa, le proposte di IP non tenevano conto di progetti che rappresentano "100 milioni di euro e 1.200 posti di lavoro" in investimenti già pianificati per le aree da espropriare, cioè nelle aree di espansione del parco commerciale LusoPark.

La Câmara de Ovar ha approvato all'unanimità, il giorno successivo, l'Alternativa 2.1 proposta da IP per la linea, in quanto preserva al meglio Arada e Válega, "respingendo assolutamente la Soluzione B", che era quella approvata dal comune contiguo di Santa Maria da Feira, per non aver previsto demolizioni in quel comune.

Percorsi alternativi

Nell'ambito del progetto Porto-Aveiro, vengono proposte le soluzioni A e B, due "corridoi alternativi con inizio comune a Oiã", nel comune di Oliveira do Bairro (distretto di Aveiro), e "che terminano nell'ormai prevista stazione AV di Vila Nova de Gaia, situata a Santo Ovídio", per una lunghezza di 66 chilometri, con un'unica soluzione C tra Santo Ovídio e Campanhã, lunga 4,4 chilometri, che prevede la costruzione di un nuovo ponte sul Douro.

Il futuro attraversamento promuove una "somiglianza d'immagine" con il ponte Luís I, avendo "traffico ferroviario sul ponte superiore e traffico stradale, ciclistico e pedonale sul ponte inferiore", e costerà 110 milioni di euro.

A Porto, l'inserimento della linea ad alta velocità nell'attuale stazione di Campanhã interesserà i complessi abitativi noti come "isole" in quella zona, ma solo dopo la conclusione dei progetti esecutivi si conosceranno le proprietà interessate "con assoluto rigore", secondo il PI.

Il documento specifica che il progetto "potrebbe interessare 42 abitazioni, per cui si stima che il numero di famiglie e individui interessati sia di almeno 21 famiglie e 43 individui", ma cita anche che "i quartieri interessati dal progetto avranno una popolazione di 46 famiglie e 96 individui".