La circolazione tra i comuni è vietata dalle 20 di oggi alle 5 di lunedì

scritto TPN/Lusa, in COVID-19, Notizia · 12-02-2021 13:00:00 · 0 Commmenti

La circolazione tra i comuni del Portogallo continentale è di nuovo vietata tra le 20 di oggi e le 5 di lunedì, come parte delle misure per prevenire la diffusione del Covid-19.

Il divieto di guidare tra i 278 comuni del continente durante il fine settimana è stato applicato successivamente dal periodo di Capodanno, è stato un esteso dal 15 gennaio, con il nuovo blocco generale.

"È vietato circolare al di fuori del comune di domicilio durante il periodo compreso tra le 20 del venerdì e le 5 del lunedì, fatte salve le eccezioni previste", si legge nel regolamento del governo per l'attuale stato d'emergenza. Prima di questo nuovo blocco generale, entrato in vigore il 15 gennaio, e dal periodo di Capodanno, la circolazione tra le contee del continente era vietata tra le 23 del venerdì e le 5 del lunedì, "salvo per motivi di salute, urgenza imperativa o altri specificamente previsti".

Secondo la legge che regola lo stato di emergenza decretato dal presidente della Repubblica, ci sono una serie di eccezioni al divieto di circolazione tra i comuni, tra cui i viaggi per l'esercizio di funzioni professionali (come attestato da una dichiarazione rilasciata dal datore di lavoro o equivalente), per motivi di salute e per adempiere alle responsabilità parentali. Oltre a questa restrizione di movimento tra i comuni, rimane in vigore la serrata obbligatoria, in cui la regola principale è quella di rimanere a casa, il divieto di vendita o consegna alla porta in qualsiasi stabilimento nel settore non alimentare, il divieto di vendita o consegna alla porta di qualsiasi bevanda anche negli stabilimenti autorizzati per l'asporto e il divieto di rimanere negli spazi pubblici di svago (che possono, tuttavia, essere frequentati).

Il confinamento obbligatorio in casa prevede spostamenti autorizzati per l'acquisto di beni e servizi essenziali, lo svolgimento di attività professionali e di attività fisiche e sportive all'aperto, nella zona di residenza e di breve durata. Tutti gli esercizi di beni e servizi aperti al pubblico devono chiudere alle 20 nei giorni feriali e fino alle 13 nei fine settimana e nei giorni festivi, tranne la vendita al dettaglio di prodotti alimentari, che può operare nei fine settimana fino alle 17.

Giovedì, in una conferenza stampa sul rinnovo dello stato di emergenza fino al 1° marzo, il primo ministro, António Costa, ha ipotizzato che l'attuale livello di chiusura dovrà essere mantenuto durante il mese di marzo, considerando che questo non è il momento di iniziare a "discutere di malintesi totali o parziali", ma di continuare "con tutta la determinazione" a fare ciò che è stato fatto nelle ultime settimane perché la situazione rimane estremamente grave.L'attuale stato di emergenza, rinnovato per altri 15 giorni, si estenderà fino alle 23:59 del 1° marzo, applicando le stesse regole di blocco.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.