Siccità e ondate di calore sono triplicate in Europa

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Salute e ambiente, Europa, Renature · 15-04-2021 17:11:00 · 0 Commmenti

La siccità e le ondate di calore sono triplicate negli ultimi 50 anni in Europa, con una corrispondente riduzione dei raccolti, soprattutto di cereali, indica uno studio sviluppato da tre ricercatori della Universidade Nova.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica "Environmental Research Letters", avverte che gli effetti del cambiamento climatico sui raccolti possono portare a carenze di cibo e prezzi più alti.

Teresa Armada Brás, la ricercatrice che ha condotto lo studio, ha spiegato a Lusa che, anche se ci sono molte indagini che mostrano l'aumento della frequenza di eventi climatici estremi, non sono state studiate le perdite in agricoltura associate a questi eventi.

I responsabili, ricercatori della Facoltà di Scienze e Tecnologie (FCT NOVA), affiancati da un ricercatore del Potsdam Institute for Climate Impact Research ("Istituto di Potsdam per la ricerca sul clima", in Germania) e della NASA (Stati Uniti), hanno combinato dati agricoli ed eventi meteorologici estremi tra il 1961 e il 2018.

Nell'analisi sono stati presi in considerazione siccità, ondate di calore, ondate di freddo e inondazioni. Abbiamo diviso il periodo di studio in due parti, una fino al 1990 e un'altra dal 1991 al 2018, "e abbiamo scoperto che le perdite in agricoltura sono molto maggiori nella seconda parte", ha detto Teresa Armada Brás.

Secondo il documento, frutto di un anno e mezzo di ricerca, le siccità storiche e le ondate di calore hanno ridotto le rese cerealicole europee in media del 9% e del 7,3%, rispettivamente. In altre colture non cerealicole le rese sono diminuite del 3,8% e del 3,1% durante gli stessi periodi di siccità e ondate di calore.

Le ondate di freddo hanno portato ad un calo dell'1,3 per cento nelle rese dei cereali e del 2,6 per cento in quelle delle colture non cerealicole, mentre l'impatto delle inondazioni è stato marginale e trascurabile.

Intitolato "Severity of drought and heat wave crop losses tripled over the last five decades in Europe", lo studio ha incluso 28 paesi europei (attuale UE e Regno Unito) e conclude che i cereali sono la coltura più colpita e che i peggiori eventi meteorologici sono le ondate di calore e la siccità. Questi due eventi nel 2018 in Europa hanno causato un calo dell'8% della produzione di cereali rispetto ai cinque anni precedenti.

Teresa Armada Brás sottolinea che in particolare nei cereali le perdite in Europa sono triplicate tra i due periodi (prima e dopo il 1990). Se nel primo periodo, gli eventi climatici estremi hanno avuto un impatto stimato sulla produzione di meno 3,6%, dopo il 1990 l'impatto è stato di meno 9,8%.

Prendendo in considerazione tutte le colture, e sono state analizzate 130 colture, gli impatti sono anche triplicati, da meno 2,2 per cento nel primo periodo a meno 7,7 per cento negli anni più recenti.

Il funzionario, sottolineando che i numeri derivano da dati comunicati ufficialmente, aggiunge che "il sistema alimentare è stato danneggiato con il verificarsi di fenomeni climatici estremi", allertando anche le proiezioni del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC nell'acronimo originale) che indicano un aumento dei periodi secchi in estate, con onde di calore più lunghe e intense.

Nel corso degli anni, secondo il ricercatore, tutta l'Europa ha sofferto "più o meno allo stesso modo" gli effetti della siccità e delle ondate di calore, anche se gli impatti nell'area mediterranea sono stati minori, a causa della grande percentuale di colture irrigate, che mitiga gli effetti della siccità e delle ondate di calore.

"Il lavoro mette in guardia sulla necessità di capire quali sono le colture più resilienti per l'Europa e sottolinea la necessità di un uso intelligente dell'acqua".

E fornisce altri dati, derivanti dallo studio appena pubblicato: una siccità, in media, causa una perdita dell'8,5% della produzione di cereali. E se la coltura è il grano, la perdita è ancora maggiore (nelle ondate di freddo la perdita è inferiore al 2 per cento). E ogni anno le siccità diventano più gravi, con perdite di cereali che aumentano in media del 3% ad ogni nuova siccità.

Il sistema alimentare dell'Unione Europea è sconvolto da eventi meteorologici estremi, valutare i principali impatti e le vulnerabilità è importante perché può contribuire alla ridefinizione degli sforzi di riduzione del rischio, all'adattamento e anche alla revisione dei flussi commerciali alimentari dell'Unione Europea, che può concludere che sarà meglio smettere di produrre certe colture a causa del cambiamento climatico, spiega la ricercatrice.

Oltre a Teresa Armada Brás, hanno partecipato al lavoro i ricercatori FCT NOVA Júlia Seixa e Nuno Carvalhais, e il ricercatore Jonas Jägermey.



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.