Questi dati sono il risultato di un'indagine sulle pratiche culturali dei portoghesi, realizzata negli ultimi mesi del 2020 dall'Istituto di Scienze Sociali (ICS) dell'Università di Lisbona, finanziato dalla Fondazione Calouste Gulbenkian (FCG).

L'indagine ha raccolto informazioni sul consumo culturale attraverso il teatro, così come le pratiche di lettura e la frequentazione di musei, monumenti storici, siti archeologici e gallerie d'arte, cinema, concerti e spettacoli, inclusi festival e feste locali.

Teatro

Secondo i risultati del sondaggio, le persone tra i 35 e i 44 anni sono quelle che vanno di più a questi spettacoli con il 15% che dice di andare a spettacoli una o due volte all'anno. Inoltre, tra i 55 e i 64 anni, il quattro per cento degli intervistati va a teatro almeno tre volte all'anno, mentre il sei per cento ci va una o due volte.

Al contrario, le generazioni più anziane, dai 65 anni in su, non sembrano attratte da questo tipo di spettacolo, con solo il sette per cento che ha frequentato il teatro una o due volte l'anno.

Per quanto riguarda le professioni degli intervistati, gli uomini d'affari, i liberi professionisti e i manager sono quelli che vanno di più a teatro. Inoltre, il reddito degli intervistati sembra essere un altro fattore importante, dato che generalmente le persone con redditi più alti tendono ad andare di più a teatro.

Gallerie d'arte e monumenti del patrimonio

Per quanto riguarda musei, castelli, gallerie d'arte, ecc, nei 12 mesi prima dell'inizio della pandemia, il 31% degli intervistati ha detto di aver visitato monumenti storici, il 28% ha visitato musei, il 13% è andato a vedere siti archeologici e l'11% ha visitato gallerie d'arte. In questo senso, la mancanza di tempo (39 per cento) e la mancanza di interesse (38 per cento) sono state le ragioni principali date per non visitare più frequentemente musei storici, siti archeologici e gallerie d'arte.

Più della metà non legge libri

Per quanto riguarda la lettura, il sondaggio ha rivelato che, negli ultimi 12 mesi prima del sondaggio, il 61% dei portoghesi non aveva letto un solo libro, e del 39% che ha dichiarato di aver letto, la maggior parte non legge molto. Quando si chiede di leggere libri digitali, la percentuale scende ancora di più.

Infatti, la percentuale di persone che, nell'ultimo anno, non ha letto alcun libro stampato è più alta di quella registrata in Spagna un anno fa (38%), secondo lo studio.

Festival, feste locali e cinema

D'altra parte, le pratiche culturali più popolari della popolazione portoghese sono la partecipazione a festival e feste locali. Le feste più frequentate sono quelle tradizionali e popolari (49%), poi le feste religiose (40%) e quelle gastronomiche (11%).

Secondo il sondaggio, l'84% ha riferito di aver partecipato a festival musicali e il 16% ha riferito di aver partecipato ad altri festival (3% a festival cinematografici; 12% a festival di teatro, danza e arti di strada). Inoltre, andare ai festival e alle feste locali è stato fatto per lo più con i membri della famiglia (63%) e con partner o amici (33%).

Inoltre, l'indagine mostra che il cinema è un'altra attività culturale con un alto tasso di partecipazione. Nei 12 mesi precedenti l'inizio della pandemia, il 41% degli intervistati è andato al cinema.

Il campione ha 2.000 intervistati e il lavoro sul campo è stato condotto tra il 12 settembre e il 28 dicembre 2020 in Portogallo. Le informazioni sono state raccolte attraverso interviste dirette nelle case degli intervistati, attraverso il sistema CAPI (Computer Assisted Personal Interview).