Quando l'Unione Sovietica si dissolse nel 1991, l'Ucraina ottenne la custodia di tutte quelle armi nucleari perché erano state collocate sul suo territorio al momento della dissoluzione. Improvvisamente, l'Ucraina era la terza potenza nucleare del mondo, con più testate di Gran Bretagna, Francia e Cina messe insieme.

Sono stato a Kiev diverse volte in quel periodo. Ho intervistato un bel po' di nazionalisti ucraini che erano improvvisamente usciti allo scoperto (dopo essere stati sotto profonda copertura durante il periodo sovietico), e non ricordo uno solo che abbia menzionato quelle armi nucleari. E nemmeno io, ad essere onesti. Non sembrava molto rilevante all'epoca.

Ma certamente sembra rilevante per molti ucraini ora. Hanno dato via l'unica cosa che avrebbe potuto impedire loro di essere invasi.

I russi e gli americani erano molto scontenti delle armi nucleari ucraine nei primi anni '90, perché entrambi le vedevano come una sorta di "proliferazione". Più dita su più grilletti (anche la Bielorussia e il Kazakistan hanno ereditato un numero minore di armi nucleari sovietiche e di veicoli di consegna) hanno reso più complesso e instabile il compito di mantenere la reciproca deterrenza nucleare.

Così le due "superpotenze", come erano ancora conosciute, usarono pressioni politiche e tangenti giudiziose per convincere il nuovo governo ucraino a consegnare tutte le sue armi nucleari alla Russia per la distruzione. Il Sudafrica post-apartheid si stava liberando delle sue armi nucleari nello stesso periodo, quindi non sembrava una decisione bizzarra o sciocca all'epoca.

La grande differenza, naturalmente, era che il Sudafrica non aveva una grande potenza nucleare come vicino. L'Ucraina sì, ed è arrivata a rimpiangere il suo errore. Questo è un paletto nel cuore della campagna contro la proliferazione nucleare che una volta era vista come semplice buon senso.

È, infatti, il terzo paletto che viene conficcato in quel cuore piuttosto affollato, ma i primi due erano meno convincenti. Saddam Hussein, il dittatore iracheno, aveva un programma di armi nucleari durante la sua guerra con l'Iran negli anni '80, ma fu completamente smantellato dagli ispettori dell'ONU dopo che invase il Kuwait e fu sconfitto nella prima guerra del Golfo nel 1990-91.

Non riavviò mai quel programma di armi nucleari, ma gli Stati Uniti invasero comunque l'Iraq nel 2003 e il governo fantoccio che installarono a Baghdad lo impiccò.

Saddam Hussein se lo meritava ampiamente per i suoi molti altri crimini, senza dubbio, ma il risultato fu: per un dittatore, le armi nucleari sono l'unica assicurazione sulla vita che funziona davvero. La Corea del Nord ha testato la sua prima arma nucleare nel 2006.

Il dittatore libico, Muammar Gheddafi, era così spaventato dalla dimostrazione di illegalità americana nell'invasione dell'Iraq del 2003 che si è lasciato intimidire a chiudere il suo decennale programma di armi nucleari. Grande errore.

Otto anni dopo, nel 2011, lo stesso Gheddafi fu cacciato dal potere da attacchi aerei della NATO, e poi assassinato dai ribelli sostenuti dalla NATO. Colpa sua: si era buttato dalla parte sbagliata. Ma ancora una volta, è stato un dittatore crudele a pagarne il prezzo, quindi chi se ne frega?

Nel 1994, l'Ucraina si è lasciata convincere a rinunciare a tutte le sue armi nucleari. In cambio ha ricevuto solenni "assicurazioni" nel Memorandum di Budapest che Russia, Regno Unito e Stati Uniti si sarebbero "astenuti dalla minaccia o dall'uso della forza contro l'integrità territoriale o l'indipendenza politica dell'Ucraina". Ha funzionato bene, no?

Una settimana fa, Sky News ha chiesto a Svitlana Zalishchuk, consigliere di politica estera del vice primo ministro ucraino, se rinunciare alle armi nucleari del paese fosse stato un errore.

"Sì, senza dubbio", ha risposto Zalishchuk. I paesi che possiedono armi nucleari sono "intoccabili", ed è "perché abbiamo rinunciato volontariamente alle nostre armi nucleari e il memorandum di Budapest è stato ignorato (che) ci troviamo nella situazione in cui siamo".

Si scopre che non solo i dittatori malvagi hanno bisogno di armi nucleari. Qualsiasi paese che ha un vicino armato di armi nucleari con una lamentela ne ha urgente bisogno. In effetti, ogni paese che pensa che un giorno potrebbe trovarsi in un confronto con un paese armato di armi nucleari, per quanto lontano possa essere, ha bisogno di armi nucleari.

Se dubitate di me, basta chiedere agli iraniani, o ai taiwanesi, o ai sudcoreani, che stanno tutti osservando da vicino. O anche ai giapponesi e ai vietnamiti.

Se si entra in un confronto con una potenza nucleare, e non si appartiene a un'alleanza nucleare come la NATO, allora non ci si può fidare di nessun altro paese che rischi una guerra nucleare per conto tuo. Le "garanzie" e le "assicurazioni" sono inutili. Dovete avere le vostre armi nucleari.