Gli scienziati vincono un finanziamento per una spedizione nelle profondità marine delle Azzorre

scritto TPN/Lusa, in Notizia, COVID-19, Renature, Scienza · 07-03-2021 12:00:00 · 0 Commmenti

Un team guidato dall'Okeanos Research Center dell'Università delle Azzorre si è assicurato il finanziamento del progetto Eurofleets + per effettuare una spedizione scientifica in aree del mare profondo "mai visitate prima".

"Il finanziamento ora garantito dal Deep Sea Research Group dell'Okeanos (centro di ricerca) dell'Università delle Azzorre permetterà una spedizione scientifica per esplorare zone sconosciute della Dorsale Medio-Atlantica, per un periodo di 17 giorni", dice il ricercatore Telmo Mourato, che guiderà la missione.

La dorsale medio-atlantica "è una catena montuosa vulcanica che si estende dall'Artico all'Antartide, essendo la struttura topografica dominante dell'Oceano Atlantico e la catena montuosa più estesa del mondo. La spedizione mapperà i fondali di questa regione e caratterizzerà le comunità di coralli e spugne che abitano le creste e le montagne sottomarine della Dorsal. Intende anche identificare i fattori ambientali che determinano la distribuzione spaziale della biodiversità bentonica profonda", ha detto il comunicato.

Chiamato "iMAR: valutazione integrata della distribuzione degli ecosistemi marini vulnerabili lungo il bordo del Medio Atlantico nella regione delle Azzorre", la spedizione è finanziata dal progetto Eurofleets +, dal programma Horizon 2020, che mira a riunire una flotta di navi di ricerca avanzata e integrata per migliorare il coordinamento e promuovere l'uso economico delle infrastrutture di ricerca marina.Eurofleets + comprende 27 navi da ricerca, sette veicoli azionati a distanza (ROV), cinque veicoli autonomi sottomarini (AUV) e un'unità di telepresenza portatile.

Secondo la nota congiunta di Okeanos Center e Azores Deep-Sea Research, questa spedizione nelle profondità marine delle Azzorre "permetterà di esplorare zone mai visitate prima" utilizzando "attrezzature e mezzi tecnologici complessi, navi ed equipaggi oceanografici grandi e specializzati, il che rappresenta costi economici elevati".

"Questo tipo di mezzi di indagine è raramente disponibile per la comunità scientifica nazionale", sottolinea il comunicato.

Telmo Morato, ricercatore dell'IMAR (Instituto do Mar) e del centro Okeanos dell'Università delle Azzorre, sottolinea l'importanza del finanziamento ottenuto attraverso Eurofleets +, considerando che "le squadre di ricerca in acque profonde in Portogallo hanno avuto qualche difficoltà ad accedere a navi da ricerca di grandi dimensioni, che permettono di lavorare in acque più profonde e lontane e con i mezzi tecnologici adeguati".

"I nostri progetti di ricerca regionali, nazionali o europei non sono in grado di sostenere i costi associati alla tariffa giornaliera per una nave di questa natura, che può essere tra 20 e 60 mila euro", sottolinea il ricercatore, citato nella nota.

nonostante i "grandi progressi nella conoscenza del mare profondo delle Azzorre" raggiunti negli ultimi anni, Telmo Morato ritiene che "c'è ancora molto da sapere e da scoprire, quindi l'opportunità generata da Eurofleets + e il (istituto oceanografico olandese) Royal Netherlands Institute for Sea Research (NIOZ, nell'acronimo originale) per utilizzare la nave di ricerca Pelagia nelle Azzorre, durante la primavera del 2021 ", sarà" contribuire a far avanzare la conoscenza del mare profondo in Portogallo ". Citato nella nota, il ministro del mare, Ricardo Serrão Santos, sottolinea che si tratta di "un'altra tappa del ricco viaggio del team di ricerca sul mare profondo IMAR / Okeanos dell'Università delle Azzorre", evidenziando il lavoro dei ricercatori Telmo Morato e Marina Carreiro- Silva, "per il merito di aver ottenuto questa borsa di studio" che permette "di assegnare, per 17 giorni, la nave di ricerca Pelagia".

Marina Carreiro Silva, co-leader del gruppo di ricerca e specialista in coralli d'acqua fredda, dice anche che "il mare profondo delle Azzorre nasconde una diversità di comunità biologiche unica nell'Oceano Atlantico e ospita ampi giardini di coralli d'acqua fredda e campi di spugne".

Il comandante João Vicente, capo della divisione di idrografia dell'Istituto idrografico (IH), menziona l'alta importanza di questa missione, che contribuirà anche al programma IH SEAMAP 2030 (Mappatura del mare portoghese). La spedizione "iMAR" mira anche a "identificare nuove aree che rientrano nella definizione di ecosistemi marini vulnerabili, determinare lo stato ambientale delle comunità bentoniche e quantificare i rifiuti marini" per "la conservazione del patrimonio naturale, l'uso sostenibile delle profondità marine e minimizzare gli impatti negativi su questi ecosistemi molto vulnerabili".Aodhán Fitzgerald, coordinatore del progetto Eurofleets +, dice che il progetto "fornisce l'accesso alle più moderne navi da ricerca, offrendo l'opportunità di studiare siti ancora da esplorare e comprendere meglio gli impatti negativi sui nostri ambienti di acque profonde".

La spedizione prevede la partecipazione di ricercatori di diverse istituzioni nazionali e internazionali, in particolare l'Istituto idrografico, il CIIMAR dell'Università di Porto, l'Università di Aarhus (Danimarca), il National Oceanography Center (Regno Unito), GEOMAR (Germania), il PP Shirshov Institute of Oceanology (Russia) e l'Università di Vale do Itajaí (Brasile).



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.