Il PCP chiede "un aumento generale dei salari come emergenza nazionale".

scritto TPN/Lusa, in Notizia, Politica · 19-05-2021 17:08:00 · 0 Commmenti

Il Partito Comunista Portoghese (PCP) ha accusato il governo di aver sprecato occasioni per "rispondere ai bisogni più urgenti" dei lavoratori e ha chiesto "un aumento generale dei salari come emergenza nazionale".

Jerónimo de Sousa, segretario generale e deputato dei comunisti, ha criticato il Partito socialista e ha fatto una lista di richieste all'esecutivo guidato da António Costa in un discorso di nove minuti e mezzo all'apertura dell'interrogazione in parlamento sui diritti dei lavoratori.

Il PS, ha accusato, "ha avuto tutte le opportunità per rispondere alle necessità più urgenti", ma non vuole nemmeno approfittare delle "possibilità aperte dal bilancio 2021", rese possibili dall'astensione del PCP.

"Il PS resiste, limita, non consegna di fronte ai problemi dei lavoratori, mentre ha le mani in pasta con i gruppi economici e finanziari, in convergenza con il quartetto di destra di PSD, CDS, Chega e Iniziativa Liberale", ha detto.

Il PCP, ha detto Jerónimo, "non accetta e combatte" le opzioni del PS per la ripresa economica e chiede "l'aumento generale dei salari come emergenza nazionale, la valorizzazione delle carriere e delle professioni e l'aumento del salario minimo nazionale a 850 euro".



Articoli Correlati


Comments:

Sei il primo a commentare questo articolo
Temi interattivi, invia i tuoi commenti/opinioni su questo articolo.

Si prega di notare che The Portugal News puo' utilizzare il commento selezionato nell'edizione stampata del giornale.