Flessibilità, meno tempo sulla strada e risparmio di denaro sono alcuni dei principali vantaggi del lavoro da casa. Tuttavia, il lavoro a distanza non è per tutti e può influenzare la nostra salute mentale, secondo Jeremy Moore, che è stato un allenatore per più di 20 anni a Zoomcow.

Intrusione e insicurezza

La casa dovrebbe sentirsi come casa. È un luogo dove dovremmo rilassarci dopo una lunga giornata di lavoro e dove possiamo stare con la nostra famiglia e gli amici - un rifugio. Tuttavia, quando si lavora da casa, tutto si incasina. "Quelli che dicono che lavorare da casa è fantastico al 100% stanno negando gli effetti del lavoro in ufficio".

Anche nel lavoro a distanza abbiamo ancora bisogno di alcuni confini, altrimenti può diventare dannoso. "Lavorare da casa può essere invadente, perché dato che la gente sa che sei a casa, potrebbe volerti fare una telefonata veloce alle 7 di sera o alle 8 di mattina. Questo non è sano. La vita deve essere più flessibile di una volta, va bene, ma bisogna stare attenti perché può diventare invadente se non si rispettano i limiti", ha detto.

A questo proposito, è interessante che il Portogallo, dopo due anni di pandemia, abbia recentemente aggiornato il codice del lavoro per dare ai dipendenti il diritto al riposo.

Secondo Jeremy, la gente ha bisogno di essere rassicurata in ogni momento e questo è il secondo problema quando qualcuno lavora da casa: "Se tu non parli con me e io non parlo con te e non siamo nello stesso ufficio. Non so se non stai parlando alle mie spalle. Hai solo il tuo schermo da guardare, ma se non vedi una mail in 30 minuti o un'ora, pensi di non essere incluso perché non hai quel tipo di connessione di cui gli umani hanno bisogno quotidianamente", ha detto.

Il mito dell'amore per se stessi

Quante volte avete sentito dire che gli esseri umani devono imparare a essere felici da soli? Beh, secondo Jeremy, questo è solo un mito: "Uno dei miti più grandi è che devi imparare ad amare te stesso, devi imparare a stare da solo. È assolutamente spazzatura! Quali sono le prove che gli esseri umani vogliono davvero stare da soli? Non ci sono prove per questa affermazione. Gli esseri umani hanno formato naturalmente delle tribù, le tribù sono diventate villaggi, i villaggi sono diventati paesi, e i paesi sono diventati città".

Inoltre, essere soli non è una cosa naturale per gli esseri umani. Secondo lui, costringersi a stare da soli a casa tutto il giorno per settimane o addirittura mesi solo collegati dal computer è innaturale, almeno per la maggior parte degli esseri umani. "Una piccolissima percentuale si diverte, ma non va bene per la maggior parte di noi", ha aggiunto.

Prendiamo il meglio di entrambi

Nonostante questo punto di vista da esperto, i tempi sono cambiati, dobbiamo ammettere che la vita non sarà più come prima e anche Jeremy lo sa. Di conseguenza, ha detto che entrambi gli approcci hanno dei benefici se collegati, ed è per questo che il futuro potrebbe essere una combinazione di questi due approcci lavorativi.

"Il lavoro a distanza è una cosa molto pratica ed efficiente. I vantaggi sono una flessibilità incredibile, possiamo fare una videochiamata, possiamo fare le cose molto velocemente, non si perde tempo in coda, ma non è una soluzione a lungo termine. Quindi, ha benefici a breve termine, ma a lungo termine gli esseri umani hanno bisogno di interazione. Inoltre, mescolandosi con gli altri, si hanno idee migliori", ha detto.

Tutto sommato, "penso che il futuro a lungo termine sarà una combinazione delle due cose, ma gli uffici non scompariranno mai. Per esempio, si può lavorare da casa solo due giorni alla settimana o si lavora da casa magari nelle prime ore del mattino in modo da evitare il traffico", ha suggerito.