D'altra parte, ci sono circa 18.000 asteroidi di quelle dimensioni o più grandi in orbita intorno al Sole. Se Dimorphos (l'asteroide dell'esperimento della NASA) colpisse la Terra, l'impatto avrebbe l'energia di una bomba all'idrogeno da cento megatoni, sufficiente a devastare una città delle dimensioni di New York o Lagos.

Anzi, di più, perché Dimorphos orbita attorno a un asteroide molto più grande, Didymos, che ha un diametro di 780 metri, e arriverebbero insieme. Ora stiamo parlando di quasi nessuno che sopravvive in una città grande come Tokyo, e di una devastazione per un centinaio di chilometri intorno.

Queste cose non accadono spesso, naturalmente, ma accadono. Il Lunar and Planetary Laboratory dell'Università dell'Arizona stima che sulla Terra ci siano più di tre milioni di crateri da impatto di diametro superiore a un chilometro, anche se la maggior parte di essi è sepolta da sedimenti successivi.

Il più grande asteroide che ha colpito il pianeta, Chicxulub nella penisola messicana dello Yucatan 66 milioni di anni fa, aveva un diametro di dieci chilometri. Ha causato l'ultima grande estinzione: le tempeste di fuoco in tutto il mondo e l'inverno asteroidale di cinque o dieci anni che ne è seguito (a causa delle ceneri che hanno bloccato il sole) hanno ucciso tutti i dinosauri non aviari e hanno permesso ai mammiferi di prendere il sopravvento.

Secondo la Planetary Society, le probabilità che un asteroide delle dimensioni di Dimorphos colpisca la Terra sono una su cento ogni secolo. Inoltre, non sappiamo nemmeno dove si trovi il 40% di questi asteroidi.

Scendendo ad asteroidi di 30-140 metri, comunque abbastanza grandi da uccidere una città, se ne contano circa un milione. Abbiamo buoni dati su meno del 2% di essi, ma sappiamo che almeno uno colpirà il pianeta ogni secolo. Per questo la NASA e l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) hanno entrambi uffici di "Difesa Planetaria" e stanno conducendo il primo grande esperimento.

Il Double Asteroid Redirection Test, o DART, della NASA è una navicella spaziale che pesa circa 500 chilogrammi a pieno carico, ma ne peserà molto meno quando lunedì effettuerà un tuffo kamikaze su Dimorphos. D'altra parte, si muoverà a sei chilometri al secondo, quindi l'energia che trasferirà all'asteroide non sarà trascurabile.

L'obiettivo principale dell'esercitazione è vedere di quanto questo possa spostare l'orbita dell'asteroide più piccolo intorno al suo principale, Didymos. Non sarà molto, perché la massa di Dimorphos è stimata in 4,8 miliardi di chilogrammi, ma dovrebbe essere sufficiente per essere rilevabile in poche settimane dai grandi telescopi.

Poi, tra quattro anni, quando la missione Hera dell'ESA arriverà a Dimorphos, dovremmo sapere quanto è grande il cratere e che forma ha. Questo confermerà o smentirà il crescente sospetto che la maggior parte degli asteroidi più piccoli, almeno, non siano in realtà massi solidi, ma solo ammassi di detriti debolmente tenuti insieme dalla microgravità.

Se così fosse, sarebbe molto più facile spostarli, perché la collisione non si limiterebbe a spingere l'asteroide nella direzione desiderata. In tal caso, l'asteroide non si limiterebbe a spingere l'asteroide nella direzione desiderata, ma sprigionerebbe anche molti detriti nella direzione opposta, amplificando la quantità di moto totale trasferita all'asteroide fino a quintuplicarla.

Un passo alla volta. Probabilmente ci vorranno un paio di decenni prima di riuscire a deviare anche un asteroide delle dimensioni di un Dimorphos dall'impatto con la Terra e avere la certezza che andrà invece dove vogliamo noi.

Per quelli più grandi, ma molto più rari, che hanno maggiori probabilità di essere di roccia solida, ci vorrà molto più tempo. Tuttavia, prima della fine di questo secolo potremmo essere in grado di proteggere il pianeta da tutti gli asteroidi, tranne quelli più grandi.

Un approccio al problema di tipo "impatto cinetico" come il DART è attualmente la tecnica preferita, ma si stanno valutando anche tecniche alternative. Una di queste consiste nel far atterrare un piccolo motore a propulsione ionica su un asteroide minaccioso, con una quantità di carburante sufficiente a sostenere una spinta molto ridotta per un tempo molto lungo.

Un'altra proposta, particolarmente utile se si ha poco preavviso dell'avvicinamento dell'asteroide, prevede l'uso di razzi intercettori per farlo esplodere in un gran numero di piccoli frammenti poche ore prima dell'impatto. Molti dei pezzi più piccoli brucerebbero nell'atmosfera e il danno provocato dagli altri sarebbe di gran lunga inferiore a quello provocato da una singola roccia massiccia.

Per costruire un buon sistema di difesa planetaria ci vorrà probabilmente un secolo, ma almeno stiamo passando dalla teoria agli esperimenti pratici.